Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:00 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibra in ritardo arriva grazie a un passaggio in moto in autostrada: il video

Attualità martedì 22 dicembre 2020 ore 19:24

Sanità e Covid, "all'Elba servono più assunzioni"

ospedale di Portoferraio
Ospedale di Portoferraio

Cgil segnala nuovamente le criticità della sanità all'isola d'Elba che in piena emergenza Covid è ancora più penalizzata per la carenza di personale



PORTOFERRAIO — "L'aumento del numero di contagi registrati all'Isola d'Elba impone a tutti maggior senso di responsabilità. In meno di una settimana i contagi sono saliti a quota 150: purtroppo all'interno del territorio di competenza dell'Asl Toscana nord-ovest si tratta di un vero e proprio record negativo. Ai cittadini chiediamo di rispettare maggiormente le norme anti-contagio mentre alle istituzioni di incrementare i controlli sul rispetto di esse".

Si apre così una nota a firma Monica Cavallini, vicesegretaria generale Cgil provincia di Livorno, Simone Assirelli, funzionario Fp-Cgil provincia di Livorno con delega alla sanità e Manuel Anselmi coordinatore Cgil arcipelago livornese.

"L'incremento del numero di contagi anche fra i dipendenti pubblici sta generando un impatto negativo anche in termini di operatività di uffici e servizi già in difficoltà da anni a causa della carenza di personale. - si legge nella nota del sindacato Cgil -Agli utenti chiediamo perciò di avere ancor più comprensione se alcuni servizi non forniscono in tempi standard le risposte che si vorrebbe. I lavoratori pubblici stanno dando il massimo: meritano rispetto e comprensione".

I tre esponenti del sindacato Cgil sottolineano: "Il diffondersi del virus sta mettendo in evidenza criticità che avevamo sottolineato da tempo, soprattutto in relazione alla carenza di personale nel settore della sanità. La dotazione organica di medici dev'essere rafforzata: si sta provando ad ovviare a tale situazione ricorrendo a prestazioni aggiuntive di personale proveniente da altri presìdi quando invece servirebbero assunzioni e medici dedicati esclusivamente all'isola. All'interno dell'ospedale di Portoferraio segnaliamo inoltre la mancanza di 7 infermieri caposala. Segnaliamo inoltre che la posizione organizzativa elbana a breve andrà in pensione e adesso sta smaltendo le ferie residue mentre ad esser già andato in pensione senza esser stato ancora sostituito è il coordinatore dell'ufficio infermieristico".

"Chiediamo inoltre chiarimenti - aggiungono dalla Cgil - in merito alla chiusura fino al 10 Gennaio del servizio logopedia (le infermiere del reparto sono in ferie forzate). Anche il Pronto soccorso è stato depotenziato: parte del personale è stato infatti inviato nella Rsa di San Giovanni. Proprio in relazione alla Rsa di Portoferraio chiediamo all'Asl un incontro per capire meglio quale sia il bisogno di personale della struttura e come siano strutturati all'interno di essa i percorsi “pulito” e “sporco”. All'Asl chiediamo infine di potenziare le Usca".

"Sul progetto 'Sanità Elba' - proseguono dal sindacato - è quanto mai urgente attivare un confronto. L'ospedale di Portoferraio sta acquisendo un livello di autonomia sempre maggiore e ciò rappresenta un passo importante: ad Asl e Regione chiediamo però di coinvolgere maggiormente il territorio elbano e il sindacato nella discussione sulle politiche sanitarie che hanno un diretto impatto sull'isola".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità