Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:56 METEO:PORTOFERRAIO16°27°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 25 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Strage in una scuola in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr: «Sono stufo, quando faremo qualcosa?»

Attualità sabato 12 gennaio 2019 ore 19:00

Tartarughe marine, un corso per volontari

Un corso all'Elba per riconoscere le tracce e salvaguardare i nidi, promosso da Legambiente con TartAmare e Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano



PORTOFERRAIO —  Il corso per il riconoscimento delle tracce delle tartarughe marina che doveva tenersi ad Ottobre scorso e che è stato annullato per l’ondata di eccezionale maltempo che ha colpito l’Arcipelago, - come fanno sapere da Legambiente Arcipelago toscano-  si terrà invece sabato 19 e domenica 20 Gennaio, con un prologo di una cena per partecipanti e non il 18 Gennaio.

Isa Tonso, responsabile per il progetto Elistar sulle tartarughe marine di Legambiente Arcipelago Toscano ricorda che "Dopo l’eccezionale nidificazione di una tartaruga marina Caretta caretta a Marina di Campo nell’estate 2017 (la più prolifica e sorvegliata del Mediterraneo) - leggi qui l'articolo -  e la sorprendente nascita delle tartarughine nella 'impossibile' spiaggia di Straccoligno (leggi qui l'articolo), l’isola d’Elba si conferma come l’isola delle tartarughe, uno dei limiti più a nord dove si sono spinti per riprodursi questi antichissimi rettili marini". 

"Nelle ultime due estati Legambiente Arcipelago Toscano - prosegue Isa Tonso - ha organizzato numerose/i volontari/e che hanno sorvegliato il nido di Marina di Campo garantendone il successo, cercato ogni giorno all’alba tracce di tartarughe marine sulle spiagge più 'vocate', assistito esperti e scienziati a Straccoligno, Un’attività che ha creato una rete di conoscenze e relazioni preziose – Osservatorio biodiversità Regione Toscana, Arpat, università di Siena, TartAmare, Comuni, stabilimenti balneari - e che sono confluite nel progetto Elistar che è stato tra quelli presentati dalle associazioni elbane approvati dal Parco Nazionale per la concessione di finanziamenti. Un progetto che prevede campagne informative e azioni concrete per tutelare le tartarughe marine e i loro nidi".

Si comincia il 19 e 20 Gennaio con il corso "Monitoraggio e tutela dei nidi di Tartaruga Marina Caretta Caretta", patrocinato dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, anche nell’ambito del progetto transfrontaliero “Pelagos Plastic Free”, e tenuto dall'Associazione TartAmare che ha collaborato con Legambiente sia a Marina di Campo che a Straccoligno 2018.

Il corso di sabato 19 Gennaio si terrà nella sala riunioni del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano all’Enfola (Portoferraio) dalle ore 11 alle 18 - con una pausa per il pranzo – sarà tenuto dalle biologhe e dalle esperte di TartAmare e tratterà di biologia ed etologia delle tartarughe marine Caretta Caretta, conservazione e analisi delle principali minacce, di come organizzare la sorveglianza e la gestione di un nido e della schiusa delle uova con la nascita dei piccoli.


Domenica 20 Gennaio, alle ore 10 sulla spiaggia di Spiaggia di Marina di Campo - davanti alla pineta ai Bagni da Sergio, nell’area dove ha nidificato la tartaruga Federica nel 2017, riconoscimento e interpretazione di tracce di tartaruga marina che verranno ricostruite da TartAmare e sulla messa in sicurezza di un nido.

Il corso sarà preceduto il 18 Gennaio da una cena (facoltativa e aperta anche a non partecipanti al corso) ore 20,30 alla Trattoria La Barca delle Matte in Piazza della Repubblica a Portoferraio, menù fisso, prevalentemente vegetariano, 18 euro escluse le bevande, è possibile , su richiesta al momento della prenotazione, un menù gluten free, con cena da prenotare entro il 14 Gennaio.

Per evitare spiacevoli equivoci, Legambiente sottolinea che il corso serve a formare i volontari e gli educatori ambientali di Legambiente che parteciperanno alle iniziative del progetto Elistar, quindi, per motivi assicurativi e di rapporto con l’associazione, i partecipanti al corso dovranno essere soci di Legambiente o diventare soci di Legambiente prendendo la tessera 2019. 

Sono quindi invitati a partecipare tutti coloro che vogliono svolgere opera di volontariato con il Cigno Verde e gli operatori balneari, ai quali verranno anche dedicate iniziative di formazione future a cura di Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e Legambiente.

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare Isa al cell. 340-7113722 o inviare mail a legambientearcipelago@gmail.com.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha reso noto il Comitato Eradicazione cinghiali all'isola d'Elba esprimendo preoccupazione per il fatto insolito avvenuto sull'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Sport

Attualità