Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:50 METEO:PORTOFERRAIO17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Politica giovedì 12 novembre 2020 ore 11:02

Cento giorni di amministrazione Montagna

Walter Montagna, nuovo sindaco di Capoliveri
Walter Montagna, sindaco di Capoliveri

Intervista al sindaco di Capoliveri sui progetti realizzati e in corso, su dissalatore, emergenza Covid e sulla riorganizzazione della Gat



CAPOLIVERI — A circa cento giorni dall'insediamento del nuovo sindaco di Capoliveri Walter Montagna, candidato della lista Competenze e valori per Capoliveri, la cui vittoria è stata decretata dalla sentenza del Consiglio di Stato del 27 luglio scorso (vedi articolo correlato sotto), abbiamo deciso di intervistare il sindaco Montagna per fare il punto sulla situazione e sui progetti realizzati e in corso ma anche sul ruolo delle politiche comprensoriali, dato che il Comune di Capoliveri è capofila della Gat, Gestione associata del turismo dei Comuni elbani, al cui interno confluiscono varie questioni.

Dato che siamo da poche ore come Toscana nella zona arancione, per quanto riguarda l'emergenza Covid quali sono le azioni che state portando avanti?

"L'emergenza Covid è un problema che assorbe molte energie e su cui stiamo lavorando molto. Ho allertato la Polizia municipale che insieme ai carabinieri stanno facendo un buon lavoro di controllo sul territorio. Ho anche sentito il sindaco di Porto Azzurro e, dato che il comandante della Polizia municipale è a scavalco con Porto Azzurro, vogliamo creare una specie di zona filtro per controllare e fare un censimento dei cittadini non residenti che sono presenti sul territorio perché hanno la seconda casa qui e vengono dalle zone rosse ma che qui non hanno il medico, anche alla luce dell'ordinanza regionale. Stiamo lavorando molto per garantire la sicurezza dei cittadini grazie alla Protezione civile comunale Novac, alla Polizia municipale e alle associazioni del territorio, Pubblica Assistenza di Capoliveri e Protezione civile Mare e Monti di Lacona. Come Comune abbiamo lavorato molto sulle scuole per la prevenzione, con le sanificazioni così come nella sanificazione di vie e piazze e degli edifici pubblici, un lavoro che prosegue. Per evenienza, abbiamo anche pronta una tenda Covid che abbiamo utilizzato per la Capoliveri Legend Cup e nel caso ci fosse la necessità, ma mi auguro di no, siamo pronti a trasformare il parcheggio della Boa in base per l'elisoccorso. Come sindaci stiamo affrontando tutti insieme questa emergenza da un punto di vista comprensoriale perché è un problema che ci riguarda tutti. Nonostante i vari focolai, se la affrontiamo tutti insieme, credo che riusciremo ad uscirne per la prossima stagione. Credo però che ne potremo uscire solo con l'educazione e con il rispetto delle regole, se cioè ognuno farà la sua parte".

Sindaco, la prima cosa fatta appena insediato (vedi articolo correlato sotto) è stata quella di incontrare i responsabili dei vari servizi del Comune e i rappresentanti della partecipata Caput Liberum per capire le esigenze della macchina amministrativa. Ci sono stati cambiamenti in questo senso?

"Intanto ho trovato responsabili e personale motivato e competente che si sono messi a disposizione dell'amministrazione comunale. Ci sono stati piccoli cambiamenti ma soprattutto, per il particolare momento storico che stiamo vivendo, quello che ho fatto è stato quello di responsabilizzare molto chi ha i ruoli di competenza e l'input che è stato dato dall'amministrazione è stato quello di ascoltare i cittadini e di porre al centro l'attenzione alle loro problematiche. I grandi periodi di crisi hanno sempre visto l'intervento della pubblica amministrazione per liberare energie. Il Comune sta lavorando molto, soprattutto a causa dell'emergenza Covid, per attivare tutte le risorse possibili e per aiutare chi si trova in difficoltà. Per questo abbiamo garantito la rateizzazione per i pregressi Imu e Tari in 120 rate e abbiamo rivisto il bilancio, oltre alle risorse che sono arrivate per l'emergenza Covid per aiutare chi è in difficoltà. Non siamo potuti intervenire come altri Comuni sulle tariffe della Tari 2020 perché il bilancio l'ho trovato già fatto ma agirò sul 2021. La volontà è comunque quella di dare una mano a tutto l'indotto economico e sociale".

Come si sta muovendo molto particolare in questo momento la sua amministrazione?

"In un momento particolare come questo il Comune sta cercando di dare una spinta, nei termini di legge, per permettere ai cittadini che lo richiedono di investire sul territorio anche per quanto riguarda l'edilizia privata".

Per quanto riguarda i progetti e le iniziative realizzate in questi mesi?

"Vorrei sottolineare l'importanza di aver voluto comunque permettere lo svolgimento del Rallye Elba sul territorio e di aver portato avanti la Capoliveri Legend Cup. Ci siamo presi una grande responsabilità ma l'obiettivo era quello di dare un segnale di ottimismo e di speranza verso un ritorno alla normalità. In particolare la Legend Cup ha significato dare un segnale che l'Elba fosse sicura e c'è stato dietro un grande lavoro da parte di tutta l'organizzazione per permettere questo importante evento, anche in preparazione dei Mondiali di mountain bike previsti all'Elba nel 2021".

Un'altra delle questioni che la sua amministrazione si è trovata ad affrontare appena insediata è stata quella della realizzazione del dissalatore a cui la vostra lista è stata fortemente contraria...

"Stiamo lavorando su questo e abbiamo cercato di coinvolgere anche gli altri sindaci elbani perché la questione riguarda tutta l'Elba, anche se la realizzazione è prevista nel Comune di Capoliveri. Abbiamo approvato in Consiglio comunale l'istituzione di un Osservatorio dedicato all'ambiente, in cui verrà trattata anche la questione del dissalatore. La volontà è quella di andare verso una politica di ecosostenibilità. Sarà un tavolo tecnico che affronterà varie questioni non solo quella del dissalatore. Nel tavolo saranno coinvolte persone competenti sui vari temi e ci saranno anche rappresentanti del Comitato per la difesa di Lido e Mola, delle associazioni di categoria e del volontariato, il tavolo è comunque aperto anche alla minoranza. E vorrei aprirlo anche alla presenza della stampa a rotazione e ad un rappresentante dell'amministrazione di Porto Azzurro. Sarà uno strumento importante che servirà all'amministrazione per studiare problemi e proporre soluzioni. Penso che un osservatorio di questo tipo potrebbe essere esteso anche a livello comprensoriale".

A proposito di politiche comprensoriali, Capoliveri resta il Comune capofila della Gat, gestione associata per il turismo, ma ci sono cambiamenti in vista?

"Fin dal mio insediamento ho sempre detto che la Gat doveva diventare più partecipata e quindi vedere un maggiore dialogo e coinvolgimento di tutti i sindaci elbani. Più partecipata nelle decisioni ma anche più trasparente. Ho quindi anticipato una proposta per rivedere l'organizzazione della Gat, proposta che vede l'istituzione di un presidente istituzionale a rotazione e che prossimamente spiegherò nei dettagli. Anche qui c'è bisogno di maggiore collaborazione con le associazioni di categoria e con le aziende elbane che già promuovono l'Elba con le loro eccellenze. Per quanto riguarda l'accoglienza credo che ogni Comune dovrebbe farsi carico relativamente al proprio territorio. Per quanto riguarda poi gli eventi e le iniziative di richiamo, abbiamo chiesto ai Comuni di presentare un calendario con le loro proposte per il 2021, in modo da coordinarci senza creare eventi in contemporanea negli stessi giorni e per garantire un'offerta diversificata. Credo che la Gat sia importante come stimolo per l'Elba a fare sistema, non solo sulla promozione turistica ma anche per poter sbloccare altri problemi in particolare la situazione dell'aeroporto di Campo nell'Elba, le problematiche dell'ospedale elbano, i trasporti etc. Credo anche che vada pensato qualcosa per aiutare i nostri ragazzi nello studio e nella formazione, in particolare per quelli, e sono la maggior parte, che non vivono a Portoferraio ma che devono muoversi da altri paesi elbani e quindi hanno maggiori difficoltà. Molti nostri ragazzi poi proseguono gli studi e conseguono risultati eccellenti, ecco credo che dobbiamo puntare anche su questo a livello comprensoriale".

Valentina Caffieri
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due uomini, padre e figlio, sono stati fermati dai carabinieri durante un controllo in strada. Il figlio è stato posto agli arresti domiciliari
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità