Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:PORTOFERRAIO17°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima di Valentino Rossi, si commuove per la festa e lancia il casco ai suoi tifosi

Cronaca mercoledì 18 agosto 2021 ore 20:20

Cadavere in spiaggia, primi dati dall'autopsia

Foto di repertorio

L'autopsia riguarda il cadavere trovato a Lacona a Maggio. Potrebbe essere il velista francese disperso al largo di Montecristo a Settembre 2020



CAPOLIVERI — Ci sono i primi risultati dell'autopsia effettuata sul cadavere mutilato trovato all'isola d'Elba sulla spiaggia di Lacona lo scorso 11 Maggio.

In base all'autopsia eseguita presso il Centro di Medicina legale di Pisa, come riferiscono dal Comando Compagnia Carabinieri di Portoferraio, il cadavere appartiene ad un uomo la cui età è stata stimata indicativamente fra i 50 e i 60 anni

Il cadavere è stato diversi mesi in acqua, come già aveva rilevato il medico legale al momento del ritrovamento. Risulta quindi abbastanza improbabile fissare una data certa della morte.

Sono in corso ulteriori accertamenti sulla salma per avere indicazioni utili per risalire all'identità dell'uomo, indagini di cui si occupa la Procura di Livorno.

Nel frattempo si è attivata anche la famiglia di Philippe Bocket, il velista di 63 anni, mai ritrovato, scomparso al largo dell'isola di Montecristo la sera del 15 Settembre 2020, dopo aver lanciato l'allarme perché la sua barca stava riempiendosi di acqua (leggi qui).

La famiglia del velista ha infatti contattato l'Ambasciata francese a Roma ed ha attivato la richiesta affinché sia effettuata la comparazione del dna per sapere se si tratta del suo congiunto, ipotesi di cui avevamo scritto qui.

La Polizia francese ha già prelevato dall'abitazione dell'uomo oggetti personali utili per estrarre il suo dna in modo tale da poterlo confrontare con quello del cadavere dell'uomo trovato sulla spiaggia elbana.

La famiglia è in attesa che, una volta ottenuta l'autorizzazione internazionale necessaria da parte dell'autorità giudiziaria francese, sia possibile entro breve tempo confermare o escludere che si tratti di Philippe Bocket.

D'altra parte si tratta solo di un'ipotesi, dato che le correnti potrebbero aver trasportato all'Elba anche un corpo di una persona scomparsa in un'altra zona più lontana. 

Quindi al momento rimangono aperte anche altre piste.

Valentina Caffieri
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto di notte sulla strada di San Giovanni in prossimità di un cantiere. Una ragazza è stata trasferita con l'elisoccorso a Livorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità