Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:11 METEO:PORTOFERRAIO11°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità martedì 25 maggio 2021 ore 14:03

Cerimonia in onore di 5 militari caduti nel 1943

Il faro di Capo Poro

I cinque militari della Regia Marina morirono a Capo Poro per lo scoppio di un cannone. La vicenda ricostruita grazie ad alcune lettere



CAMPO NELL'ELBA — Capo Poro, 27 Maggio 1943 – 27 Maggio 2021, l'amministrazione comunale di Campo nell'Elba organizza una Giornata di commemorazione per ricordare i cinque militari della Regia Marina che morirono per lo scoppio di un cannone nella batteria E189.

“Un atto dovuto per restituire alla nostra Comunità la memoria di queste cinque vittime della guerra”, dichiarano dall'amministrazione comunale campese.

“Potrei dire che la memoria non ha tempo. Io quel nonno non l’ho mai conosciuto se non attraverso i racconti di mia nonna Elsa e quella foto che teneva sempre sul comodino. Da bambina mio nonno Francesco me lo immaginavo bello e forte, con la sua divisa bianca da militare della marina come era nella fotografia: con il suo sguardo fiero, il mare sullo sfondo e il cacciatorpediniere “Scirocco” dove era stato in missione. Mia nonna Elsa mi diceva sempre che lo aveva visto per l’ultima volta vestito di bianco ma io pensavo che tornasse da un momento all’altro. Quando mio nonno morì mia madre Giuliana aveva appena 10 mesi. Era mercoledì 26 maggio 1943 quando lo richiamarono anzitempo per raggiungere la batteria di Capo Poro. Lui era un cannoniere specializzato ed era a casa in licenza ma avevano bisogno di lui perché avevano messo in programma per il giorno successivo di fare le prove di tiro. Mio nonno è morto dilaniato dallo scoppio di un cannone insieme a quattro compagni nella prima postazione della batteria E189, quella sotto il faro. Mio zio Guglielmo andò a fare il riconoscimento dei suoi poveri resti al vecchio cimitero di Marina di Campo. Era il 27 maggio del 1943 e ora, dopo 78 anni, tornare sul luogo che fu teatro della tragedia per ricordare lui e le altre vittime innocenti della guerra è come farlo tornare in vita. La memoria non ha tempo e cura il dolore della perdita”. 

A  parlate è Francesca Benvenuti che oggi ha cinquant’anni ed abita a San Piero come i suoi fratelli Claudio e Maurizio. Vive felice con la sua famiglia ma nessuno di loro ha mai dimenticato il nonno del quale porta il nome e la tragedia che l’ha portato via insieme a quattro militari della Regia Marina che erano in forze all’esercito Italiano durante la seconda guerra mondiale.

Alla Batteria E189 prestavano servizio una quarantina di militari sotto il comando di due ufficiali responsabili degli impianti, uno per la Marina e uno per l’Esercito. Alcuni sottoufficiali controllavano le truppe, c’erano soldati elbani e campesi. Altri militari erano arrivati da tutte le zone d’Italia. Una batteria dotata di quattro cannoni da 102/35 per la difesa antiaerea e antinave. C’era una potente stazione fotovoltaica e un impianto aerofono per la fonopunteria.

Oggi ci sono ancora tutte le postazioni sulla costa che guarda verso sud e quella che fu teatro della tragedia mostra i segni evidenti dell’esplosione. Quel 27 Maggio del 1943 sarebbe rimasto legato al filo sottile della memoria di qualche anziano campese che all’epoca era poco più che un bambino se non fossero ricomparse delle lettere inedite che un marinaio siciliano di Alcamo spedì nel lontano 2005, all’allora Sindaco, cercando di contattare i parenti del suo amico Francesco Pacini. 

Si chiamava Vincenzo Cudia e nel momento in cui decise di scrivere quelle lettere aveva ormai 88 anni ma i suoi compagni di Capo Poro continuava a portarseli nel cuore da quel lontano 27 Maggio del 1943. Lui poteva ancora raccontarla quella terribile storia perché era un sopravvissuto.

Quel giorno, quando iniziarono le operazioni di tiro, in tarda mattinata, intorno al cannone collocato sulla prima postazione della batteria di Capo Poro c’erano cinque dei suoi compagni. Il cannoniere scelto Francesco Pacini, il sergente Giacomo Mangoni, il cannoniere Pietro Broccio, il sergente Francesco De Luca e il capo cannoniere Domenico Di Martino. 

Lui, il marinaio siciliano ventiseienne era andato nella riservetta a prendere le munizioni sotto la postazione che ospitava un cannone 102/35 pronto per essere caricato con munizionamento di guerra. 

Improvvisamente ci fu un’esplosione, Cudia fu sbalzato fuori e si trovò circondato dai pezzi del cannone e dai resti dei suoi compagni. I cinque uomini che erano intorno al cannone per effettuare le operazioni di tiro non ebbero scampo. 

Altri tre militari furono sbalzati sulle rocce dall’onda d’urto ma riuscirono a salvarsi. 

“Il cannone era sopra di me e un pezzo grosso mi cadde davanti. Con lo scoppio siamo scappati tutti. Il Capitano ci gridava di ritornare ai pezzi ma noi si aveva paura che scoppiasse anche la riserva dei proiettili”. 

L’indagine successiva all’incidente accertò un problema tecnico. “…il giorno 27 alle batteria E189 avviene lo scoppio di un cannone da 102/35, come conseguenza della franca detonazione del proietto nell’anima del pezzo, in seguito al funzionamento della catena innescante della spoletta per la deficiente sicurezza della capsula…”.

Le lettere di Cudia arrivarono anche al fratello di Francesco Pacini, Guglielmo e alla sorella Rosina e tra di loro ci fu una corrispondenza e uno scambio di fotografie. Ad Alcamo vive ancora la moglie di Vincenzo Cudia, Vincenzina e la figlia Angela. 

“Non si è mai dimenticato dell’Elba, dei suoi amici che ricordava ogni giorno – racconta la figlia Angela che fa l’insegnante ad Alcamo -. Ricordava i nomi e i volti dei suoi amici come se li avesse visti il giorno prima. Parlava spesso di Antonio Baldacci e della moglie Leda, della famiglia Mibelli e dei suoi 11 mesi a Capo Poro. Aveva una foto di Francesco Pacini seduto sul cannone. Non si era mai dimenticato dei suoi cinque amici e nella lettera chiese che fossero ricordati con una messa in suffragio. E’ morto nel 2010, aveva 93 anni ma questa commemorazione esprime un desiderio che si è portato nel cuore da quel terribile 27 maggio 1943”.

In questa storia di memoria e di ricordi un grande contributo l’ha dato Mario Tacchella. Durante la seconda guerra mondiale era un bambino, ora sfiora i novantanni con la forza e la lucidità di un trentenne. Il suo lavoro quotidiano sta tra l’orto e la sua pagina facebook dove pubblica foto preziose che raccontano storie di altri tempi. Ricorda bene il giorno dei funerali delle cinque vittime, dei quali ha anche pubblicato le foto, perché era a casa con il mal di gola.

“Abitavo in piazza della Fontana, in centro a Marina di Campo, vicino alla Chiesa. Ero un bambino di dieci anni e mi ricordo le bare issate sul carro con la bandiera tricolore della Marina. Quando guardo le foto riconosco molti volti di persone che non ci sono più e sono felice che questa Amministrazione abbia deciso di rendere onore alla memoria di questi ragazzi innocenti”. 

Il lavoro di ricerca che ha portato l’Amministrazione a contattare i familiari e a scoprire la corrispondenza è iniziato proprio con la pubblicazione di una foto del capocannoniere scelto Francesco Pacini. 

“Grazie a Mario Tacchella e alle sue foto di Capo Poro e dei marinai, i miei collaboratori hanno iniziato a ricomporre quella tragica vicenda -racconta il Sindaco Davide Montauti -. Per questa Amministrazione questa giornata commemorativa rappresenta un contributo fondamentale a restituire la memoria di un ricordo che era sempre più lontano. Celebreremo la messa a Capo Poro, nella postazione dove scoppiò il cannone grazie alla disponibilità di Padre Francesco Guarguaglini. E’ il nostro modo per essere vicini ai familiari di queste vittime e per ricordare tutte le vittime innocenti della seconda guerra mondiale e di tutte le guerre”. 

La commemorazione avrà luogo a Capo Poro intorno alle 10,45. La partenza è prevista alle 9,30 dalla Piazza Dante Alighieri, antistante il palazzo comunale. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Temperature in discesa e anche sul monte Capanne è arrivata la prima neve. Non escluse nevicate anche sugli altri rilievi
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità