comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°26° 
Domani 21°36° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 10 agosto 2020
corriere tv
Viviana Parisi, procuratore Cavallo: «Tutte le ipotesi sono aperte, cerchiamo ancora il bambino»

Attualità martedì 07 aprile 2020 ore 07:00

Piano del Parco, "no a stravolgimenti dei confini"

bandiera di Legambiente
Foto di repertorio

Legambiente Arcipelago toscano dichiara: "Si riavvii l’iter per l’istituzione dell’Area marina protetta partendo dalla proposta Matteoli"



PORTOFERRAIO — Legambiente Arcipelago toscano interviene sull'avvio dell'iter di revisione del Piano del Parco nazionale Arcipelago toscano (leggi qui l'articolo).

"Pur essendo comprensibili le istanze di revisione del Piano a 10 anni dalla sua attuale stesura - commenta Legambiente - è evidente, che tale iter non potrà essere avviato senza la partecipazione del Consiglio Direttivo che deve approvare con un voto il Piano e il Regolamento. Infatti, come emerge chiaramente dagli articoli 10, 11 e 12 della legge 394/91 la Comunità del Parco'“è organo consultivo e propositivo dell’Ente parco. In particolare, il suo parere è obbligatorio: a) sul regolamento del parco di cui all’articolo 11; b) sul piano per il parco di cui all’articolo 12'. La redazione e l’approvazione del regolamento e del Piano, e quindi anche la sua revisione, spettano al Direttivo del Parco, nel quale la Comunità è ben rappresentata da quattro consiglieri di sua nomina, ma che comprende anche altri 4 consiglieri di nomina governativa, uno dei quali su indicazione delle associazioni ambientaliste".

"Invitiamo quindi - prosegue Legambiente - a non procedere impropriamente con un accordo tra Comuni ed Ente Parco che faccia trovare il nuovo direttivo – per la cui composizione definitiva, vista la crisi in corso e la lentezza storica con la quale il ministero procede alle nomine, non si prevedono tempi brevi – di fronte a situazioni precostituite. In particolare ci preoccupa il fatto che le amministrazioni comunali elbane abbiano già in passato cercato di forzare questa procedura – prontamente fermate dal ministero dell’ambiente – proponendo con 8 singole delibere modifiche alla perimetrazione del Parco nazionale che in realtà puntavano a vanificarne ogni tipo di protezione del territorio: quelle delibere, messe tutte insieme, avrebbero portato a un Parco ridotto a meno del 30 per cento del territorio elbano – meno di quanto protetto da bandite di caccia e altri vincoli prima del 1996 - e in violazione dello stesso Decreto istitutivo del Presidente della Repubblica e degli allegati che fissavano i limiti minimi di aree da proteggere a seconda delle diverse Isole dell’Arcipelago Toscano". 

"E non ci rasserena di certo il fatto che tra gli amministratori che proposero quel taglio draconiano ci fossero sindaci, assessori e consiglieri che ancora oggi siedono nei Consigli comunali, - aggiunge Legambiente - magari dopo aver cambiato compagine, ruolo e casacca. Invitiamo quindi il presidente Sammuri a raccogliere naturalmente suggerimenti e informazioni ma a non discutere preventivamente e ufficialmente della stesura del Piano e del Regolamento con la Comunità del Parco fino a quando non sarà nominato completamente il Direttivo del Parco. Conoscendone la sensibilità istituzionale, non abbiamo dubbio che la procedura di legge e le prerogative del Direttivo verranno rispettate".

Inoltre Legambiente dichiara necessaria una revisione e un adeguamento del perimetro del Parco Nazionale per renderlo più “leggibile” ma non per "stravolgere vincoli ed estensione dell’area protetta, in particolare dove esistono le Zone di protezione speciale (Zps) e Zone speciali di conservazione (Zsc) di Monte Capanne-Promontorio dell’Enfola ed Elba Orientale e dove ogni forma di riduzione dei vincoli o di territorio richiede l’avvio di una procedura che coinvolga anche Regione ed Ue, in mancanza della quale il rischio di una paralizzante procedura di infrazione è più che concreto".

"E’ anche chiaro che ad ogni adeguamento - prosegue Legambiente - che comporterà una perdita di territorio protetto dovrà avere come 'risarcimento' almeno altrettanto territorio, magari di maggior pregio naturalistico. Ed è chiaro che questo è un compito del Direttivo del Parco con l’ausilio della struttura tecnica del Parco e che va realizzato su basi scientifiche e non di convenienza politica".

Legambiente inoltre chiede l'istituzione dell’Area Marina Protetta dell’Arcipelago toscano che comprenda anche il mare dell’Elba e del Giglio.

"Recentemente il sindaco di Portoferraio, che è anche presidente della Comunità del Parco, - spiega Legambiente - ha detto di essere disponibile a riavviare la discussione su questo vero e proprio vulnus ambientale e legislativo che penalizza sempre più il mare delle due isole più abitate e la loro economia, a partire da quella della pesca e da quella turistica che ruota intorno ai centri di immersione subacquea. Legambiente propone di ripartire dalla proposta di area marina protetta avanzata al tempo dell’allora ministro dell’ambiente Altero Matteoli, indicazioni certo discutibili ed emendabili, ma che avevano il pregio di mettere su una cartografia una proposta attuabile e percorribile che teneva conto delle diverse esigenze, a partire dalla valorizzazione della piccola pesca costiera e del diporto sostenibile".

Per quanto riguarda il completamento dell’iter del regolamento "mai portato a termine, - sottolinea Legambiente - valgono dal punto di vista procedurale, amministrativo e politico le stesse osservazioni fatte per il Piano del Parco e speriamo davvero che, basandosi sul lavoro già fatto dal Direttivo e dagli uffici dell’Ente, si riescano a dare norme di utilizzo del territorio e di comportamento certe, a cominciare dall’incentivare l’agricoltura biologica, la sentieristica a valorizzare e proteggere in maniera mirata biodiversità ed endemismi ed emergenze storico-culturali e a normare finalmente la circolazione delle moto da cross – ai confini del Parco e fuori - alla quale il Parco non è mai riuscito a dare regole certe a causa anche dell’ostruzionismo delle amministrazioni comunali".

"La revisione del Piano e l’approvazione del Regolamento potranno e dovranno essere l’occasione per un più vasto coinvolgimento della società insulare dell’Arcipelago, adempiendo così a un ruolo che – in questo caso sì – la legge affida in gran parte alla Comunità del Parco che di fatto non lo ha mai esercitato, non riuscendo ad approvare elaborare nemmeno il Piano di sviluppo economico e sociale previsto dalla legge 394/91 all’art. 14 comma 2. - conclude Legambiente - Ma è chiaro che questo percorso virtuoso e indispensabile potrà avvenire solo ad organi del Parco Nazionale pienamente in carica e ad emergenza Coronavirus completamente superata".



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità