Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PORTOFERRAIO13°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Scurati, Landini: «Oscurato monologo sul 25 Aprile, questo è regime»

Politica venerdì 29 marzo 2024 ore 06:11

Amministratore e imprenditore, c'è conflitto?

Veduta di Portoferraio

Danilo Alessi, animatore del gruppo 'Bene Comune" pone alcune questioni sulla cabina a sindaco dell'imprenditore Tiziano Nocentini



PORTOFERRAIO — "L’imprenditore (legittimamente) guarda al profitto, l’amministratore (doverosamente) al bene pubblico. Il primo investe denaro per trarne guadagno, il secondo investe risorse per garantire diritti “a perdere”, quali, per esempio, l’istruzione, la sanità, i trasporti, la giustizia, il decoro della città, tutti servizi che non danno alcun guadagno, solo spese. Per questo non è affatto detto che un buon imprenditore, in quanto tale, possa essere naturalmente un buon amministratore, anzi, le due “professioni”, se così si possono definire, sono palesemente inconciliabili tra loro, se non altro per mentalità e formazione culturale".

Lo scrive Danilo Alessi, animatore del gruppo "Bene Comune" che sostiene Marcella Merlini come candidata a sindaca di Portoferraio.

"E lo diverrebbero ancor di più – inconciliabili, intendo - nel caso l’imprenditore dovesse assumere responsabilità di amministratore pubblico restando gestore, direttamente o indirettamente, dell’azienda di cui è proprietario. - prosegue Alessi - Perché in tal caso si introdurrebbe un altro serio impedimento, e cioè un evidente conflitto d’interessi di fatto irrisolvibile, se non con la vendita definitiva dell’azienda. Berlusconi docet. Si dice che durante il periodo che era a capo del Governo, usasse spesso una porta girevole, dalla quale entrare e uscire a seconda degli argomenti in discussione all’ordine del giorno nelle riunioni del Consiglio dei Ministri. Molti, infatti, di quegli argomenti, riguardavano provvedimenti a favore, più o meno, delle sue numerose aziende, creando situazioni a dir poco problematiche dal punto di vista della concorrenza e della commistione fra pubblico e privato".

"Al di là dell’apparente paradosso, credo, però, che gli elettori dovrebbero riflettere su quanto sarebbe rischioso affidare le sorti del loro Comune a chi pensa di essere capace di amministrare la cosa pubblica in quanto autodefinitosi imprenditore di successo, senza, tra l’altro, recidere il cordone ombelicale che lo lega alle sue numerose attività economiche, finanziarie e industriali presenti sul territorio. Non so se mi sono spiegato", conclude Alessi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Provincia di Livorno fa sapere che si sono concluse le operazioni di collaudo del tratto di strada che collega Rio Elba con Rio Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

DISSALATORE