Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PORTOFERRAIO20°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conference League alla Roma, Pellegrini alza la coppa ed è trionfo

Attualità lunedì 06 dicembre 2021 ore 14:10

"Estendere le aree marine protette"

Legambiente Toscana chiede che sia istituita l'area marina protetta dell'Arcipelago Toscano vista come unica tutela della biodiversità



ARCIPELAGO TOSCANO — "Oggi, 6 dicembre 2021, la legge quadro sulle aree protette (L. 394/1991) compie 30 anni. Una ricorrenza importante per il nostro Paese, visto che la legge è stata fondamentale per garantire la crescita, nel numero e nella consistenza, dei territori protetti, che sono passati da una percentuale del 3% del 1990 all’attuale 11%". 

Si apre così una nota di Legambiente Toscana.

"Le aree protette svolgono una funzione riconosciuta e unica per tutelare la biodiversità e sono lo strumento più efficace per garantire insieme alla conservazione della natura anche importanti azioni di sviluppo locale, di crescita dell’ecoturismo e di produzione di cibo di qualità. - prosegue Legambiente  - Siamo il Paese più ricco di biodiversità nel continente europeo (conserviamo la metà delle specie vegetali e un terzo di tutte le specie animali), ma questo patrimonio è messo a rischio dalla crisi climatica, che sta determinando perdita di biodiversità e impoverimento della capacità degli ecosistemi di immagazzinare CO2. Perdita di biodiversità e crisi climatica sono peraltro interdipendenti e se una si aggrava anche l'altra segue la stessa tendenza. La soluzione sta dunque nel ridurre le emissioni in atmosfera e contemporaneamente nell’aumentare quantità e qualità delle superfici protette. Solo così renderemo gli ecosistemi resilienti e capaci di regolare al meglio il clima, arrestando la febbre del Pianeta".

Come fare per raggiungere questi obiettivi?, secondo Legambiente "Basta seguire le indicazioni dell’Unione Europea, che lo scorso 22 maggio ha approvato la Strategia della UE per la biodiversità al 2030, che contiene indicazioni precise che ogni Paese dell’Unione deve raggiungere: creare nuove zone protette e tutelare con strumenti giuridicamente vincolanti il 30% della superficie (terrestre e marina); prevedere una protezione più rigorosa degli ecosistemi garantendo il 10% del territorio a protezione integrale; ripristinare gli ecosistemi degradati e aumentare i terreni agricoli utilizzati a biologico per migliorare la loro biodiversità; ridurre del 50% l’uso e la nocività dei pesticidi e ripristinare almeno 25.000 Km di fiumi a scorrimento libero; arrestare e invertire il declino degli impollinatori e mettere a dimora 3 miliardi di alberi entro il 2030. L’Europa con questa strategia mira a salvare la biodiversità in Europa e lo fa a beneficio delle persone, del pianeta e del clima, incoraggiando un’azione globale finalizzata a ripristinare, render resilienti, interconnessi e adeguatamente protetti tutti gli habitat del mondo entro il 2050".


"Legambiente - prosegue la nota - continua a battersi per la crescita e per una sempre migliore gestione delle aree protette, a tutti i livelli. Chiediamo più qualità nelle nomine e nella governance dei parchi e delle riserve, in vista di una maggiore collaborazione tra lo Stato e le Regioni per raggiungere obiettivi comuni e condivisi per la tutela della biodiversità; perché la conservazione della natura non è solo una competenza concorrente tra istituzioni, bensì, soprattutto, un diritto primario delle persone. Lo slogan della nostra mobilitazione è: 30% di aree protette entro il 2030 - più biodiversità contro la crisi climatica! Questo, a nostro avviso, il modo più degno e limpido per celebrare senza retorica i trent’anni della Legge quadro 394. Chiediamo quindi con forza alla Regione Toscana e al Ministero per la Transizione Ecologica di porre in essere tutte quelle sinergie e collaborazioni atte a favorire la concreta istituzione di nuove aree protette. A nostro avviso è arrivato il momento di agire e mobilitarsi per costruire il percorso, le alleanze e le strategie per centrare l’obiettivo di proteggere il 30% di territorio marino e terrestre entro il 2030. In Toscana, come nel resto del Paese".


"La situazione in Toscana: dal 7% di superfici protette di oggi al 30% del 2030!
Partiamo dalle aree protette che attendono da troppi anni la loro formale istituzione, a partire da quelle marine (AMP). - si legge nella nota - In Toscana abbiamo due situazioni di questo tipo. La prima è l’Area Marina Protetta dei Monti dell’Uccellina - Formiche di Grosseto - Foce dell'Ombrone Talamone che, sia pur prevista già dalla Legge quadro, non ha mai visto il Ministero pronto alla stesura di quegli studi conoscitivi propedeutici alla sua formale istituzione. Il Parco Regionale della Maremma ha più volte sollecitato l’azione ministeriale, ma finora senza esito. L’altra AMP solo sulla carta è quella del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano che, grazie alla Legge 979/1982, (Disposizioni per la difesa del mare) avrebbe già una sua precisa identificazione e perimetrazione, ma che è assolutamente carente nei dispositivi per la sua effettiva tutela. Uno scandalo che fra poco compie 40 anni!"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I carabinieri forestali del Parco Nazionale Arcipelago Toscano hanno trovato i due mezzi in spiaggia in seguito ad una segnalazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

STOP DEGRADO

Sport

Attualità