QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 13° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 06 dicembre 2019

Attualità sabato 19 maggio 2018 ore 01:25

Sanità, "sono in troppi a parlare a sproposito"

immagini di repertorio

Dura lettera dall'interno dell'ospedale: "Ci si sgola per la chirurgia, ma il reparto è vuoto. Serve l’assunzione di personale dipendente di ruolo"



PORTOFERRAIO — "All’Elba tutti parlano di sanità  – in genere a sproposito, e senza mai interpellare i diretti interessati – ma nessuno si occupa delle condizioni di lavoro di chi la sanità la manda avanti ogni giorno. La politica locale e i cosiddetti comitati, accomunati dal non aver idea di come funzioni un ospedale, si sgolano perché la Chirurgia conservi una sua corsia separata, come se questo costituisse di per sé una qualche garanzia: non sanno che il reparto di Chirurgia è sempre desolantemente vuoto, con infermieri e OSS che si trovano lì bloccati ad assistere pochissimi pazienti, invece di essere più utili dove servirebbe!"

Abbiamo estrapolato queste due frasi da una lettera (ovviamente firmata,ndr) che ci è arrivata dall'interno dell'ospedale di Portoferraio. Da un addetto ai lavori, probabilmente stanco di sentire discorsi fuorvianti e approssimativi su un argomento così importante, ma stanco anche di vedere sottovalutato e probabilmente non compreso quello che è il reale problema della gestione della sanità all'Elba: la gestione del personale medico e paramedico. Una lettera che dovrebbe far riflettere (e "chetare", per dirla all'elbana) chi parla con arroganza e approssimazione nello stesso tempo di un argomento così delicato, come la salute di tutti noi. Ecco il testo integrale.

"La Medicina dell’ospedale di Portoferraio è in carenza ormai cronica di personale. Gli infermieri vengono regolarmente richiamati in servizio anche quando dovrebbero essere di riposo; non si riescono a coprire le assenze per malattie o infortuni, è un problema anche vedersi riconosciuti giorni di permesso chiesti con settimane di anticipo. Si ricorre regolarmente a “prestiti” di personale da altre unità operative, con inevitabili ripercussioni sull’assistenza, perché gli infermieri si trovano in difficoltà non conoscendo il reparto e i degenti. Per gli operatori socio-sanitari, la situazione è ancora peggiore: in pratica non c’è mai in servizio il numero previsto dal piano di lavoro, anche perché chi è stato trasferito per mobilità non è stato rimpiazzato. Tutto ciò complica inoltre una base di partenza già assai risicata, con un solo infermiere di notte nella degenza ordinaria e due la mattina, appena sufficienti per gestire l’attività di routine sempre sperando che non si verifichino emergenze o criticità. 

Il picco di lavoro estivo verrà appena mitigato con qualche infermiere e OSS assunti temporaneamente tramite agenzia interinale (come una ditta privata e con procedure privatistiche, invece che da una graduatoria Asl come legge comanderebbe, con i diritti e le retribuzioni garantite ai dipendenti Asl); ma se la situazione è questa già a maggio, come sarà possibile coprire le legittime ferie del personale? E cosa succederà a settembre quando gli interinali “scadranno”? La carenza è cronica e non è stata prospettata nessuna soluzione; in reparto aumentano invece man mano i carichi di lavoro e le mansioni da svolgere, sempre però a parità di persone impiegate.
All’Elba tutti parlano di “sanità” – in genere a sproposito, e senza mai interpellare i diretti interessati – ma nessuno si occupa delle condizioni di lavoro di chi la sanità la manda avanti ogni giorno, come se poi questo non influisse sulla stessa qualità dell’assistenza. I sindacati, tutti, sono troppo impegnati a litigare fra loro per interessarsene. La politica locale e i cosiddetti “comitati”, accomunati dal non aver idea di come funzioni un ospedale, si sgolano perché la Chirurgia conservi una sua corsia separata, come se questo costituisse di per sé una qualche garanzia: non sanno che il reparto di Chirurgia è sempre desolantemente vuoto, con infermieri e OSS che si trovano lì bloccati ad assistere pochissimi pazienti, invece di essere più utili dove servirebbe! Questo spreco di risorse e denaro pubblico sarebbe intanto evitabile se si unissero le degenze mediche e chirurgiche per distribuire in modo più uniforme il lavoro, con beneficio sia per i lavoratori che per gli assistiti; ma per chi di queste cose non sa nulla, l’importante sembra essere un cartello con scritto “Chirurgia”, più che quello che c’è dietro.
E’ l’ora che all’Elba si mostri rispetto e si dia voce ai lavoratori della sanità, che devono essere messi in condizione di svolgere con serenità il loro lavoro, senza fare i salti mortali per coprire carenze strutturali di personale, e che sono i primi titolati a parlare di sanità; si deve rivendicare l’assunzione di personale dipendente di ruolo, invece di favoleggiare di UTIC a Portoferraio e altri discorsi da bar".

Fabio Cecchi
© Riproduzione riservata



Tag

Salvini: «Il leader delle sardine non vuole confrontarsi con me? La cosa è reciproca»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca