comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 19°20° 
Domani 20°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Sorpreso fuori casa con il cellulare dall'inviato di Giletti, torna in cella «boss dei Nebrodi»

Politica lunedì 25 maggio 2020 ore 14:30

Sanità post-Covid, le proposte del Pd Elba

ospedale di Portoferraio
Ospedale di Portoferraio

Unità di chirurgia complessa, medicina del territorio e radioterapia: il Pd chiede anche di lavorare a progetti mirati per le disabilità



PORTOFERRAIO — "In questi giorni, contestualmente all’allentamento della tensione sulla pandemia da Covid 19, si è infittito il dibattito e il confronto sui temi della sanità elbana. Operatori, comitati, amministratori, sindacati di categoria, forze politiche, cittadini hanno espresso tutti severe critiche sull’attuale assetto e sull’impianto organizzativo della Sanità nella nostra isola con accorate preoccupazioni sulle prospettive di medio e lungo periodo".

Si apre così una nota del Pd Elba che avanza alcune proposte di riorganizzazione della sanità dell'isola.

"Il Partito Democratico elbano già dal maggio 2018, - prosegue la nota - con un circostanziato documento, ha intrapreso un percorso di confronto franco e determinato con l’assessorato regionale e la dirigenza della Asl ottenendo l’accelerazione della realizzazione del nuovo Pronto Soccorso ed il mantenimento della Unità Operativa Complessa della Chirurgia, con la contestuale indizione del concorso per Primario della stessa. Oggi, purtroppo, si rivivono le ansie per un nuovo possibile declassamento della Unità operativa di Chirurgia, non avendo la nostra Asl ancora ottemperato all’emissione del bando per l’assegnazione del posto di primario.
Siamo fermamente convinti che non si può prescindere dal mantenimento delle strutture complesse di Medicina e di Chirurgia con il personale dedicato, che garantiscano, come hanno fatto finora e negli ultimi anni, con sensibile incremento quantitativo e qualitativo della casistica, un adeguato livello di assistenza anche nell'ottica dell'emergenza-urgenza".

"Si era anche, a quel tempo, riaffermata la necessità di una seria e concreta attuazione di una rete aziendale nel campo della specialistica, - proseguono dal Pd Elba - garantendo l'attività programmata per specialità come Oculistica, ORL, Reumatologia, Pneumologia, Urologia, Cardiologia e Senologia.
Poco di questo si è realizzato, accrescendo il disagio dei cittadini con lunghe liste d’attesa e trasferte costose e disagevoli. Tutto, poi, complicato dall’emergenza Covid che ha praticamente ridotto ed in alcuni settori annullato ogni attività programmata di diagnosi e cura, gli screening, vaccinazioni, con la creazione di una unità multidisciplinare che accorpa più unita operative con una degenza comune di medicina, chirurgia, ortopedia, ospedale di comunità, psichiatria e area carceraria".

A questo proposito "il PD elbano ritiene assolutamente irrinunciabile ritornare all’assetto organizzativo originario, quando l’emergenza pandemia sarà rientrata, restituendo autonomia e piena funzionalità ai vari reparti e totale agibilità all’Ospedale di Comunità, che svolge un fondamentale servizio sociale e sanitario. Il D.L. Rilancio appena pubblicato stanzia una notevole quota per la sanità del territorio: chiediamo quindi alla Direzione generale della Asl di attivarsi per un investimento importante nel settore dell’assistenza domiciliare (buono per qualità l’attuale servizio ma assolutamente insufficiente a coprire la domanda sia in termini di specializzazione dell’intervento sia a causa della particolare frammentazione del territorio servito, che impone lunghi tempi per i trasferimenti a scapito della copertura del bisogno). Occorre prevedere per alcune tipologie di intervento quote di assistenza di terzo livello. All’interno di questo finanziamento chiediamo ci siano interventi nel comparto della disabilità dove, la domanda è alta e complessa e la risposta è insufficiente per l’assenza di un coordinamento logistico e conseguentemente di efficace organizzazione".

Secondo il Pd Elba "mancano progetti mirati, (colonie marine estive, spazi attrezzati e occasioni di animazione e socializzazione), deve essere favorita l’integrazione tra famiglia e operatori del volontariato per una più serena e sostenibile gestione della giornata del disabile. Stesso discorso per il pianeta della terza età, fortunatamente molto frequentato, immerso in un ambiente a bassissimo grado di inquinamento e con eccellenti condizioni climatiche, ma che manca di una attenzione mirata, capace di migliorarne ulteriormente gli stili di vita: nozioni elementari di medicina preventiva, di attesa, di iniziativa, attività fisica adattata, alimentazione corretta. Ci sono spazi in ogni Comune destinabili a questi scopi: aule scolastiche, sedi delle Pubbliche Assistenze, palestre pubbliche, piscina. Da considerare anche l'ampliamento dell'attuale Rsa, con spostamento in un luogo più accessibile delle aree dedicate alla riabilitazione".

Secondo il Pd Elba è arrivato "il momento di creare le condizioni perché si possano svolgere nell'ospedale di Portoferraio le cure oncologiche radioterapiche, sollevando i nostri cittadini da lunghi, costosi e stancanti viaggi per una seduta di terapia brevissima a Livorno. Molto coerente con la strategia del governo centrale di potenziamento della sanità del territorio è il nostro convincimento della urgente necessità della realizzazione, (come sarà per Venturina e Piombino) di almeno una Casa della Salute sul nostro territorio, dove non esiste nemmeno un Distretto. Una vera Casa della Salute e non edizioni rivedute, corrette e ristrette come quelle “inaugurate” qualche tempo fa, realizzabile in volumi come il Palazzo ex Poste o l'area (in totale degrado) degli ex Macelli etc."

"La CdS, secondo la Legge regionale, - aggiungono dal Pd Elba - è il luogo dove i cittadini trovano servizi socio- sanitari di base offerti dal Sistema regionale. Nella CdS lavora un team multidisciplinare, formato da medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, infermieri, altri professionisti sanitari, personale sociale e amministrativo, volontariato che garantiscono la presa in carico globale della persona, la continuità assistenziale ospedale-territorio e l’integrazione tra assistenza sanitaria e sociale".

"Il PD elbano - si conclude la nota - esorta su questi temi (ed altri come il Servizio di riabilitazione, il Sert, il Consultorio) ad un confronto con le istituzioni, che coinvolga la Conferenza dei Sindaci, i Comitati, le Associazioni di volontariato e quanti hanno a cuore i temi della salute".



Tag
 
Orario voli Silver Air Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro