Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:55 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 12 gennaio 2022 ore 07:50

Sanità Elba, "chiediamo risposte certe"

I comitati Elba Salute e Miglioriamo l'ospedale elbano tornano a chiedere l'attivazione di alcuni servizi fra cui quello di guardia medica



PORTOFERRAIO — "Come più volte segnalato dai Comitati pro-sanità nelle riunioni e nelle conferenze dei Sindaci, è la soppressione della Guardia Medica, quale servizio di Continuità Assistenziale serale, prefestivo e festivo, uno dei servizi di vitale importanza per i cittadini che pesa maggiormente, in particolar modo per gli anziani e persone sole". 

Sui problemi della sanità elbana intervengono con una nota congiunta il Comitato Elba Salute e il gruppo Miglioriamo l'ospedale elbano.

"Elba Salute - prosegue la nota - continua incessantemente a rappresentare che in questi mesi altri servizi sono stati aboliti, oltre la Guardia medica, per non parlare di alcuni ambulatori ormai chiusi e non certo per la pandemia che più delle volte viene assunta come alibi, costringendo i cittadini a un continuo pellegrinare al di là del mare anche solo per avere risposte basilari (vedi una semplice cauterizzazione). E’ il caso della dermatologia che da mesi ha chiuso l’ambulatorio o della Medicina legale, determinante in caso di morti dubbie, di risarcimenti assicurativi, di assistenza in ambito previdenziale, incidenti sul lavoro, consulenze in processi e molto altro".

"L’Azienda - sostengono i comitati - invece di una sostituzione logica, ha pensato di affidare questa mansione a un gruppo di medici preparati per fare altro. Ciò che continua ad accadere ormai da molto tempo è molto grave anche perché tutte le migliorie sanitarie che dovevano entrare in funzione con l’applicazione del crono programma firmato il 25 novembre 2021 dalla Direzione Sanitaria giudicate come riforme strutturali, sono rimaste sulla carta o in qualche altra promessa di manifestazione di interesse come il potenziamento del Pronto Soccorso; la riapertura dell’Ospedale di Comunità; la reintroduzione della Guardia Medica nei suoi servizi serali prefestivi e festivi; l’assistenza domiciliare per le persone indigenti con patologie invalidanti come la SLA; la messa in funzione della terapia sub-intensiva; la dotazione di un protocollo di attività OTI della Camera Iperbarica; la rivalutazione delle procedure per la Riabilitazione; l’apertura dell’ambulatorio di ematologia; le case della salute e comunità; la messa in funzione programmata della TAC e della Mammografia e la dotazione di un impianto Wi-Fi. nell’intero ospedale".

"Alla Regione, all’ASL nord ovest, alla Politica Elbana e non, chiediamo risposte certe e rapide, il rispetto del crono programma sulla sanità dell’Isola sembra ormai un’utopia e se le istituzioni politiche non entreranno in campo, come invece sembra stiano per fare, allora lo faremo noi, appena sarà possibile, con manifestazioni e articoli su quotidiani nazionali. È finito il tempo delle promesse, adesso ci vogliono i fatti", si conclude la nota.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità