QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 17°29° 
Domani 16°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 luglio 2019

Cultura venerdì 02 dicembre 2016 ore 12:27

​Riconoscimento nazionale ed europeo per il Foresi

Riconoscimento nazionale ed europeo per l'istituto scolastico Foresi di Portoferraio per le attività di eTwinning portate avanti



PORTOFERRAIO — Il Certificato di Qualità è stato attribuito alla scuola per le attività eTwinning (la comunità delle scuole europee) svolte dalla prima liceo classico dello scorso anno, guidate dalla docente di matematica Clara Lucano. 

Nel progetto, denominato Find Phi, sono stati coinvolti cinque docenti: due italiani, due greci e uno rumeno. "Nel percorso proposto - spiega Clara Lucano - si è pensato di esplorare uno degli argomenti più affascinanti e famosi della matematica, la sezione aurea, partendo dalle conoscenze e dagli strumenti a disposizione dei ragazzi. 

Lo scopo di questo progetto è quello di avvicinare gli studenti al concetto di sezione aurea non solo in Geometria e Matematica ma anche in Scienze, nell'Arte, nella Scultura, nell'Architettura. 

Aver trovato un filo conduttore nel numero phi che unisce varie discipline come scienze, biologia, matematica, storia dell'arte, ha permesso agli studenti di considerare come i diversi aspetti di un argomento astratto si possano ricondurre ad un unico tema concreto, cioè la sezione aurea". 

Nella realizzazione del progetto, attraverso didattiche innovative, gli studenti hanno anche migliorato le loro competenze informatiche e quelle linguistiche, grazie all'aiuto e al supporto dell'insegnante di inglese. 

"Il primo risultato ottenuto - continua la docente - è quello relativo agli obiettivi trasversali: gli studenti hanno assaporato davvero il gusto di imparare facendo, e, divisi nei piccoli gruppi, hanno imparato ad ascoltarsi, ad osservarsi, a discutere di matematica, si sono confrontati ed hanno portato nel gruppo le loro proposte, hanno imparato ad organizzarsi, ad essere autonomi e hanno avuto l’opportunità di utilizzare in modo critico le tecnologie, in particolare l’uso  di internet". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cultura

Attualità

Politica