Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:23 METEO:PORTOFERRAIO18°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità giovedì 24 dicembre 2020 ore 15:00

"Personale insufficiente per emergenza Covid Elba"

La segreteria provinciale di Fials segnala le criticità della sanità elbana, sottolineando che è necessario investire più risorse sul personale



PORTOFERRAIO — Il diffondersi del contagio Covid-19 all'isola d'Elba ha sollecitato j l’analisi critica del sindacato Fials sulla situazione della sanità elbana.

"Il picco di contagi da Covid-19, registrato in questo scorcio di fine anno all’ Isola d’Elba, ha determinato una situazione allarmante che si somma a criticità sanitarie già denunciate nel tempo dal Fials.  si legge in una nota a firma di Daniela Boem della segreteria provinciale Fials - Mentre il Fials metteva in evidenza la carenza cronica di personale sanitario e una programmazione ospedaliera e territoriale inadeguata ai bisogni specifici di una popolazione insulare, la direzione aziendale negava l’evidenza". 

"Adesso ci troviamo a fare i conti: - prosegue Fials - con servizi territoriali impreparati perché ridimensionati nel tempo e inadeguati per gestire la complessità del contagio da Covid a causa degli scarsi investimenti sulle Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale). Finora il sistema ha retto per l’impegno profuso dal personale talvolta messo a lavorare in condizioni di forte disagio basti pensare agli infermieri lasciato alle intemperie a fare tamponi al drive-through in attesa del completamento della “camera calda” necessaria per lavorare in sicurezza."

Un'altra criticità segnalata da Fials riguarda "un Pronto soccorso potenziato come struttura, anche se ancora privo di vie di accesso adeguate con notevoli complicazioni per i percorsi Covid, e con personale Infermieri, Oss e Medico insufficiente perché impegnato in molteplici e contemporanei compiti, gravato da responsabilità aumentate con l’emergenza Covid".

Perciò Fials dichiara di ritenere insufficienti "le risposte tranquillizzanti della Direzione aziendale, la solidarietà dichiarata, per ora a parole, del presidente della Regione Toscana e le prese di posizione dei sindaci motivate dalla emergenza in atto ma tardive rispetto la valutazione complessiva della gestione sanitaria da parte della Usl".

"Il Fials  prosegue la nota - giudica dai fatti l’operato e gli impegni assunti dal Direttore generale, per questo contesta il Piano dei Fabbisogni del Personale 2020-2022 riguardante tutta la Usl Nord Ovest e presentato giovedì scorso al sindacato. Per il 2020 il numero del personale sanitario del comparto in servizio si conclude per tutta la Usl, composta da 10 zone –Distretto e 13 ospedali, con un attivo di solo 270 unità in più rispetto al 2018. Mentre per il personale sanitario della dirigenza il piano assunzioni 2020 si conclude con un segno negativo calcolato in oltre un centinaio di unità". 

"Nonostante questi dati - aggiunge Fials - e nonostante il pericolo imminente di una terza ondata di contagi la Usl nord ovest non ha previsto per tutto il 2021 incrementi di personale ma solo un numero di assunzioni pari ai pensionamenti programmati. Certo ha investito 9.000.000 di euro per pagare prestazioni in orario aggiuntivo, ma non è accettabile pensare di reggere i servizi chiedendo al personale di lavorare, in queste condizioni, oltre l’orario di lavoro".

"Questi numeri parlano chiaro e dimostrano come la Direzione Aziendale abbia lasciato e voglia lasciare il personale a gestire la pandemia in gravi ed evidenti difficoltà contando ancora una volta sulla abnegazione e il senso di responsabilità di tutti quei professionisti che hanno e stanno fronteggiando sia l’emergenza Covid sia le altre attività ordinarie. La Usl non può pensare di continuare ad affrontare in questo modo il diffondersi del contagio da Covid-19 e ci domandiamo come sono state utilizzate le risorse messe a disposizione da Governo e Regione. - conclude Fials - Purtroppo se l’Azienda non capirà di dover prendere decisioni diverse investendo di più sulla risorsa personale questa situazione continuerà a penalizzare in particolare i territori più piccoli e geograficamente disagiati come le realtà insulari".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A distanza di pochi giorni un altro traghetto di Toremar si ferma per un guasto. Dopo parte della giornata a Piombino poi è ripartito
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Elezioni

Sport

Elezioni