Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:23 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Attualità lunedì 16 marzo 2020 ore 14:06

Festa di S. Giuseppe, messaggio dalla parrocchia

Statua di San Giuseppe

Il parroco don Pinheiro e padre Konath della parrocchia di S. Giuseppe di Portoferraio, data l'emergenza coronavirus, inviano un messaggio



PORTOFERRAIO — Si avvicina la festa del patrono per la parrocchia di San Giuseppe di Portoferraio, il giorno 19, giovedì prossimo. E il parroco don Domenico Pinheiro e padre Sabu Konath, della parrocchia  per l'occasione inviano questa breve comunicazione.

"Cari fratelli e sorelle, - dicono i due sacerdoti - siamo vicini alla festa di San Giuseppe, patrono della nostra parrocchia. Viviamo un momento molto difficile a causa della pandemia da coronavirus e sapete che tutti i servizi religiosi sono sospesi. Pertanto celebreremo la nostra festa spiritualmente e resterete a casa. Chiediamo quindi la Divina intercessione del nostro santo, affinché protegga tutti voi ed anche le persone nel resto del mondo. Sappiate che ogni giorno vi ricordiamo nella Santa Messa che celebriamo noi, senza la partecipazione dei fedeli e quindi preghiamo per voi e in particolare per chi è malato. Vi chiediamo di recitare la preghiera di san Giuseppe, il 19 Marzo, e la riportiamo al termine di questa comunicazione, e potete accendere la candela benedetta che vi abbiamo dato nel giorno della Candelora. Auguri a tutti per una buona festa di San Giuseppe. Domenico Pinheiro e padre Sabu Konath".

Preghiera a San Giuseppe

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, dopo quello della tua santissima sposa. 

Per, quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all'Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni. Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo: 

allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi ogni ora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l'eterna beatitudine in cielo.
Amen.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Persona conosciuta anche in tutta l'isola aveva un legale particolare col paese di Marciana Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Lavoro

Attualità

Attualità