Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:14 METEO:PORTOFERRAIO12°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Che senso ha parlare di Matteotti 100 anni dopo?

Cronaca lunedì 30 novembre 2015 ore 14:37

Dopo quattro mesi è stato sepolto Vincenzo Marino

Con il funerale di questa mattina si è conclusa la triste storia di Vincenzo Marino, abbandonato in vita e dimenticato anche da morto per mesi



PORTOFERRAIO — Erano una ventina le persone che hanno portato l'ultimo saluto a Vincenzo Marino, molte meno di quante si attendevano, molte più di quelle che il 5 agosto scorso si sono accorte delle sua morte. Portoferraio risponde così alla triste storia di quell'87enne trovato in casa quattro giorni dopo il decesso e il cui cadavere è stato rinvenuto nel suo alloggio all'Albereto solo grazie all'intuito e alla perseveranza di don Gianni Mariani, lo stesso che oggi ne ha celebrato il funerale.

Si conclude così la sua storia ormai nota: il cadavere che ha atteso mesi nella cella frigorifera dell'obitorio ospedaliero che amministrazione e familiari giungessero a un accordo per le spese del funerale, il passo avanti di Simone Meloni, governatore della Misericordia che ha messo a disposizione il loculo al cimitero e della ditta Posini che ha pagato il funerale.

Si conclude in tono minore dopo la grande solidarietà virtuale seguita al lancio della notizia dai colleghi di Elbareport e poi ripresa da tutti i media elbani e toscani e forse non poteva essere altrimenti. Perchè questa resta una storia di miseria: materiale nel caso di Marino che usufruiva spesso della mensa della Caritas, e morale di molti dei personaggi coinvolti. Una storia che ha messo in luce il buono e il brutto dell'isola e della sua gente e che trova espiazione nelle parole di Don Mariani durante la breve e sentita omelia: "Tutti commettiamo dei peccati e anche Vincenzo me ne ha confessati molti ma non possiamo nascondere la nostra responsabilità perchè la misericordia di Dio è grande quanto quella che mostriamo l'uno con l'altro".

"I peccati in terra devono essere perdonati - ha proseguito dal pulpito - perchè tutti meritiamo la possibilità di essere giudicati da Nostro Signore e sarà lui a giudicare davvero, sia il comportamento di chi va che quello di chi resta. Noi possiamo solo dire che la sua morte non è stata dimenticata, che molto abbiamo tentato di fare per dargli una degna sepoltura, come non dimentichiamo chi ha fatto in modo che questo finalmente accadesse".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il sindaco Tiziano Nocentini ha deciso di attribuire le deleghe all'ex direttore del presidio ospedaliero di Portoferraio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità