Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:PORTOFERRAIO12°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Lavoro sabato 02 ottobre 2021 ore 07:00

Lavoro, conclusi due progetti nel carcere elbano

L'appello delle associazioni per il rifinanziamento del progetto importante per i diritti civili dei detenuti. Realizzate due guide pratiche



PORTO AZZURRO — Il 27 Settembre, all’interno dell'Istituto Penitenziario di Porto Azzurro, si è tenuto l’evento conclusivo di due progetti finanziati dalla Regione Toscana tramite i fondi del POR FSE, Spes e Alternativa c’è. 

Il Consorzio Astir, tramite le proprie cooperative socie del territorio LINC e Altamarea ha gestito a partire da gennaio 2019 questi due progetti sperimentali che per la prima volta hanno viste finanziate dalla Regione con fondi europei alcune attività all’interno e all’esterno degli istituti penitenziari della Regione. 

Sull’Isola d’Elba è stata ovviamente coinvolta la Casa di reclusione di Porto Azzurro. All’incontro conclusivo erano presenti il direttore del carcere dottor Francesco D’Anselmo e la responsabile dell’area trattamentale dottoressa Giuseppina Canu, la referente dei due progetti per Astir dottoressa Michela Buongiovanni e i referenti della Cooperativa Linc, dottoressa Veronica Cornaggia, Rachele Neri e Sara Contestabile.

"Molte le riflessioni sul lavoro svolto insieme, - spiegano gli organizzatori- che ha permesso alle persone detenute di confrontarsi con il mondo esterno grazie alle borse lavoro: alcune aziende del territorio elbano hanno aderito al progetto e successivamente alcuni dei partecipanti sono stati regolarmente assunti. Non è stato possibile garantire un lavoro per tutti, ma è stato un primo passo importante, mosso insieme verso la giusta direzione. Con le attività di sportello del progetto Spes, invece, le persone detenute hanno potuto svolgere molte pratiche amministrative che normalmente sono per loro di grande difficoltà, grazie agli operatori delle cooperative e ai contatti con gli uffici INPS e al CAF di CGIL e INCA". 

Come prodotto finale dei due progetti sono state redatte due guide, una per coloro che entrano in carcere e una per coloro che si apprestano ad uscire. Le guide sono state stampate in più lingue per facilitarne la consultazione. 


"Con la fine di settembre si sono concluse dunque queste due esperienze. Ancora non ci sono notizie su un possibile ri-finanziamento da parte della Regione ma sono già stati presi i contatti con il garante regionale delle persone private della libertà per evidenziare l’importanza delle attività che in questo tempo, reso ancora più complesso dalla pandemia, sono state portate avanti con competenza e continuità, a beneficio di coloro che si trovano all’interno degli Istituti", concludono gli organizzatori.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cocktail e aperitivi nei migliori bar dell'isola. Protagoniste anche musica, enogastronomia e gli scenari più suggestivi dell'isola e concorso a premi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità