Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Cronaca martedì 16 aprile 2024 ore 18:20

Detenuto in permesso premio non rientra in carcere

Foto di repertorio

A ricostruire la vicenda è il sindacato di polizia penitenziaria Sappe che torna a chiedere più mezzi e personale in servizio



PORTO AZZURRO — Un detenuto non era rientrato in carcere, a Porto Azzurro, dopo avere fruito di un permesso premio. Ma l’attenzione di un poliziotto penitenziario libero dal servizio ne ha impedito la possibile fuga dall’isola.

A dare la notizia è il segretario regionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Sappe, Francesco Oliviero.

"Sabato 13 aprile, il detenuto, ristretto nella Casa Reclusione di Porto Azzurro, non aveva fatto rientro in carcere dopo avere fruito di un permesso premio. - spiega Oliviero - Immediatamente veniva segnalato alle autorità. Ma domenica, ovvero il giorno dopo, un assistente del Corpo di polizia penitenziaria, libero dal servizio, lo notava per le strade della città elbana. Il poliziotto ha quindi pedinato l’uomo e nel frattempo ha allertato i colleghi della centrale operativa della questura. Successivamente, insieme a personale della Polizia di Stato, fermava il detenuto e, dopo averlo fatto visitare al locale Nosocomio cittadino, lo riconduceva in Istituto. Grazie all'abnegazione, zelo e professionalità dell'Assistente di Polizia Penitenziaria, dunque, si è riusciti ad assicurare alla giustizia il ristretto evaso dal permesso”.

Sulla vicenda è intervenuto anche Donato Capece, segretario generale del Sappe.

:“I miei più sinceri complimenti vanno al collega che libero dal servizio ha tratto in arresto. Questa la vera dimostrazione che noi siamo poliziotti 24 ore al giorno, come il nostro status impone di essere. Encomiabile è stato il suo agire e per questo auspico che gli venga riconosciuta una adeguata ricompensa ministeriale”. 

“Io credo che sia davvero giunta l’ora di affidare al Corpo di Polizia Penitenziaria gli uomini ed i mezzi necessari per assicurare il controllo dei soggetti detenuti ammessi a misure alternative, area penale esterna, permessi premio: parliamo, complessivamente, di più di 137mila persone coinvolte nell’esecuzione della pena in Italia”, conclude il leader nazionale del Sappe.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Marcella Merlini, candidata a sindaco di Portoferraio della lista "Bene Comune" spiega le due ragioni per cui non partecipa al confronto sul bilancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Elezioni

Attualità