QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 20°20° 
Domani 16°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 18 ottobre 2019

Cultura lunedì 16 settembre 2019 ore 11:00

Relitto di Chiessi, la nota di Zecchini

Relitto di Chiessi

E' pubblicata on line la ricerca di Michelangelo Zecchini sul relitto di Chiessi, il più grande ritrovamento archeologico subacqueo dell'Elba



MARCIANA — Continua da parte di Michelangelo Zecchini l’attenzione verso i principali siti archeologici sottomarini dell’Elba, per la cui conoscenza lo studioso si è avvalso in passato della collaborazione di grandi conoscitori del mare isolano come Carlo Gasparri e il milanese Luciano Zamboni. Nelle intenzioni dell’archeologo elbano c’è la costruzione di una vera e propria rassegna scientifica, dalla preistoria al XVIII secolo, dei giacimenti subacquei che punteggiano le coste dell’Elba. Lo scopo è quello di approfondire le cognizioni e di valorizzare, mediante pubblicazioni on line, un immenso patrimonio culturale che conta oltre 100.000 pezzi finora sconosciuti ai più.

Oggi è la volta del relitto di Chiessi. Rinvenuto nel 1966, è ancora il più grande dell’Elba, con le sue 7.000 anfore di produzione spagnola che, apparse agli scopritori in più strati sovrapposti, fecero subito ribattezzare il complesso archeologico come la ‘cattedrale’ di Chiessi.

È possibile leggere o scaricare lo studio di Zecchini al seguente link:

https://www.academia.edu/40359222/RELITTO_DETÀ_IMPERIALE_A_CHIESSI_NELLISOLA_DELBA


Michelangelo Zecchini è nato a Marciana Marina, si è laureato in Lettere nell’Ateneo pisano nel 1966 discutendo una tesi di archeologia preistorica (relatore: prof. Antonio Radmilli). Risiede a Lucca, dove vive e lavora. E' stato direttore di cantiere di scavo archeologico in oltre 100 interventi nel sottosuolo per conto dell’Istituto di Antropologia e Paleontologia Umana dell’Università di Pisa e per conto della Soprintendenza archeologica della Toscana; è stato per cinque anni direttore del dipartimento di archeologia del Forum Unesco, con sede a Lucca, e in quel periodo ha diretto scavi internazionali ai quali hanno partecipato università straniere, dalla Giordania agli Stati Uniti; è stato direttore scientifico di scavo archeologico su concessione del Ministero per i Beni e le Attività culturali per vent’anni, dal 1987 al 2008; ha pubblicato 16 libri e circa 150 articoli di archeologia preistorica, etrusca, romana, medievale, sottomarina.



Tag

Assenteisti a Catania: il badge timbrato da ragazzini ripresi in video, 48 indagati

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità