Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:45 METEO:PORTOFERRAIO24°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 08 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nel savonese: notte da incubo ad Albenga, case bruciate ed evacuati. Chiuso l'aeroporto

Attualità domenica 04 agosto 2019 ore 10:46

La chiesa di San Lorenzo liberata dal degrado

La chiesa di San Lorenzo dopo l'intervento

Con un blitz di Legambiente la chiesa romanica è stata liberata dalle piante infestanti. L'associazione chiede che l'area sia inserita nel Parco



MARCIANA — All’alba del 3 Agosto, armati di decespugliatore, falci, zappe e roncole, un gruppo di attivisti di Legambiente arcipelago toscano ha liberato la chiesa romanica di San Lorenzo da un vero e proprio boschetto di robinia che ormai aveva infestato quasi completamente l’interno del monumento storico. Ripuliti anche la strada d’accesso a San Lorenzo che parte dalla provinciale della Civillina e i muretti a secco di fronte alla chiesa e i dintorni della pieve.

Il blitz dei volontari del Cigno Verde è stato realizzato anche in preparazione di Plebem, l’Installazione/performance dell’artista elbano-newyorkese Riccardo Mazzei, che si terrà nella notte di San Lorenzo, sabato 10 agosto ,proprio nell’area della Pieve di San Lorenzo, una suggestiva iniziativa che si terrà nell’ambito di Marciana Borgo d’Arte e che vede Legambiente arcipelago toscano tra i sostenitori, come si legge in una nota dell'associazione.

"La chiesa - spiegano da Legambiente - sembra sia stata costruita nel XII secolo, ma la prima menzione della pieve risale al XIII secolo e pare sia stata assalita e parzialmente diroccata dai pirati saraceni e francesi guidati da Dragut proprio il 10 agosto del 1533. Alla chiesa si accedeva sia dal portale della facciata che da due porte poste asimmetricamente sulle fiancate dell’edificio. L’unica luce veniva da tre finestrelle e dall’apertura a croce sopra il magnifico portale. Del pavimento originale, costituito da pietre ricoperto di un impasto di calce e frammenti di laterizi non resta più traccia".

"L’azione disgregatrice delle piante infestanti e degli agenti atmosferici - sottolineano da Legambiente - è evidente anche sulle mura e anche i cartelli abbattuti e rovinati danno un senso di abbandono che questo monumento carico di storia, che resta però imponente, affascinante e avvolto in un’aura di mistero e che merita di essere riscoperto e curato".

Per questo Legambiente ribadisce la richiesta che l’area dell’antica Pieve venga inserita nel territorio del Parco nazionale dell’arcipelago toscano – che inizia dalla strada della Civillina – e chiede che venga riaperto l’antico sentiero che, discendendo la collina di San Lorenzo, arrivava alla Tezzia e da qui ai mulini di Capitella e a Marciana Marina e che ora risulta interrotta da chiusure di terreni privati.

"San Lorenzo è un gioiello romanico da far riemergere dall’oblio - aggiungono da Legambiente - cominciando dal ripristino della cartellonistica – e da valorizzare all’interno di un percorso storico-artistico-naturalistico al quale stanno lavorando Marciana Borgo d’Arte, con il sostegno del Comune e del Parco Nazionale, e le associazioni marcianesi attive nella cura del territorio e della sua storia". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il maltempo è previsto anche su costa e isole toscane settentrionali. Saranno possibili anche colpi di vento e grandinate
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità