Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:07 METEO:PORTOFERRAIO11°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, nei cunicoli dei tombaroli: «Una rete tutta da esplorare»

Attualità lunedì 25 ottobre 2021 ore 18:00

Gli esperti: "I dissalatori sono sostenibili"

Foto di archivio

Questo è quanto emerso dal seminario online promosso da Autorità Idrica Toscana ed Asa sul dissalatore di Mola e sulla sicurezza dell'impianto



FIRENZE — Si è tenuto venerdì scorso il forum online “Il dissalatore di Mola: sicurezza e sostenibilità”, quinta iniziativa del progetto di comunicazione Prima l’acqua, per il territorio in sicurezza, un focus sullo scenario generale della risorsa idrica in Toscana, con particolare riguardo al territorio della Val di Cornia e dell’Elba. 

Al webinar hanno preso parte Alessandro Mazzei, dell’Autorità Idrica Toscana; Luca Lucentini, Istituto Superiore di Sanità, Francesco Cinelli, ex docente all’Università di Pisa e massimo esperto internazionale di posidonia, Umberto Bernola, direttore ATO Latina. Il forum è stato moderato dalla giornalista, Ivonne Carpinelli di Canale Energia.

L’intera campagna è promossa da Autorità Idrica Toscana  in collaborazione con Asa e col patrocinio di Regione Toscana, Confservizi Cispel Toscana, CNA Toscana, Confindustria Livorno Massa Carrara e Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa.

I relatori, come spiegano da Ait in una nota, hanno analizzato il tema della sicurezza come cardine di sostenibilità nelle fasi di progettazione, realizzazione e vita degli impianti di dissalazione. Ne è emerso che i dissalatori sono pienamente sostenibili con il territorio, l’importante è che vengano ben gestiti.


Il confronto è stato aperto e concluso da Alessandro Mazzei che ha evidenziato come nessuna attività antropica possa essere a impatto zero. Per questo è essenziale analizzare in modo accurato e scientifico i possibili impatti e individuare preliminarmente le azioni da porre in essere per mitigarne gli effetti. Non possiamo più permetterci uno sviluppo che si disinteressi dell’impatto sull’ambiente, e in questo la scienza ci supporta e ci permette di progettare e realizzare opere che siano ecocompatibili e al servizio del territorio anche da un punto di vista socio-economico.


Luca Lucentini dell’Iss ha affrontato un tema di grande interesse connesso alla dissalazione, la rimineralizzazione dell’acqua osmotizzata dai dissalatori. Secondo quanto emerso durante il suo intervento l’acqua deve essere sicura ma anche ricca di elementi minerali al fine di tutelare la salute dei cittadini. Per la rimineralizzazione è essenziale adottare processi che simulino quelli naturali. Ancor meglio è utilizzare acque provenienti non soltanto dalla dissalazione. L’ideale, infatti, è innestare gradualmente l’acqua dissalata per tenere sotto controllo il processo. Si è parlato anche delle acque di miscelamento (quelle in località Mola sono ben mineralizzate, come indicano i campioni già analizzati) il cui utilizzo è una soluzione per l’isola, che non rende necessaria la realizzazione di impianti di trattamento per i pozzi. In questa maniera si evita di realizzare la sezione di mineralizzazione, con ridotti costi di gestione e di impatto ambientale per il mancato trasporto di roccia dolomitica. In linea generale, si può affermare che attraverso un processo controllato di mineralizzazione si ha un ottimo bilanciamento. Lucentini ha ricordato, infine, che grazie alla nuova Direttiva europea, dal prossimo anno, il contenuto di sali minerali nell’acqua sarà notificato ai consumatori nelle fatture, con totale trasparenza. 

Umberto Bernola, direttore dell’Ato Latina, ha raccontato la sua esperienza diretta parlando del percorso di Ventotene e Ponza nell’ambito della dissalazione, sottolineando che a causa della disinformazione, la realizzazione di un impianto di dissalazione è spesso accompagnata da ricorsi e ostruzionismo che come risultato hanno un controproducente disservizio e un costo per i cittadini. Il dissalatore di Ventotene permette un risparmio di oltre un 1 milione di euro l’anno che corrisponde all’ 1% di risparmio in bolletta per gli utenti di tutta l’Ato di Latina. L’impianto di Ponza porterebbe ad un ulteriore risparmio del 4-5% sulle tariffe. Ovviamente, la realizzazione degli impianti e la loro gestione deve essere basata sul rispetto dell’ambiente e sulla trasparenza. Su questo, Bernola ha evidenziato due punti interessanti che stanno portando avanti come ATO. Il primo riguarda la condivisione, in tempo reale, dei dati relativi alla rimineralizzazione a garanzia della qualità dell’acqua proveniente dalla dissalazione. L’obiettivo è anche testimoniare i risultati degli interventi correttivi fatti, su suggerimento dell’ISS, per migliorare la qualità dell’acqua che oggi è di buona qualità e mineralizzata.Il secondo punto concerne il monitoraggio dell’impatto ambientale. In collaborazione con l’Università La Sapienza, che è partita dalla “fase di bianco” pre-impianto, le performance del dissalatore di Ventotene sono costantemente controllate ed analizzate, in 5 anni di attività non sono state rilevate modificazioni dell’habitat marino.


Francesco Cinelli, massimo esperto internazionali di posidonia, ha concordato con quanto emerso dagli interventi degli altri relatori evidenziando come dalla sua lunga esperienza nazionale e internazionale gli impianti gestiti correttamente non causino danni per il territorio che li ospita. Il caso delle Canarie è emblematico. In tema di posidonia, per tutelarla nel caso di impianti di dissalazione è importante, ove possibile, come nel caso del progetto dell’Elba, prevedere condotte che non scarichino la salamoia direttamente nelle praterie. Inoltre, come accennato in apertura, è essenziale prevedere e affiancare alle infrastrutture la ricerca scientifica; proprio in tale ottica, Asa e Università di Pisa hanno lavorato a un progetto pilota per individuare le metodologie migliori per la sua ripopolazione, dove necessario.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tra i 281 sanitari non vaccinati contro la malattia Covid-19 sono stati individuati anche 2 titolari di farmacie in provincia di Livorno
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità