QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°21° 
Domani 11°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 20 aprile 2019

Attualità sabato 07 novembre 2015 ore 18:37

"I sindaci non possono tifare per una compagnia"

Ruggero Barbetti risponde all'associazione albergatori e spiega il proprio punto di vista sui traghetti: "Ci sono altre autorità che decidono"



CAPOLIVERI — "In riferimento al comunicato dell’Associazione Albergatori che mi tira in ballo per un presunto stato confusionale del mio intervento riguardante il comunicato apparso sulla stampa e attribuito alla Conferenza dei sindaci della sanità, vorrei fare alcune osservazioni, senza alcuna vena polemica. 

All'Elba siamo tutti cresciuti a pane, turismo e Associazione Albergatori (di cui, fin dalla sua nascita, riconosco il meritorio lavoro svolto nell’interesse dello sviluppo dell’isola) e premetto che io rispetto la posizione dell'Associazione, ma confermo che come Sindaco non posso parteggiare per una parte privata contro un'altra. 

Nel comunicato mi viene chiesto, in qualità di sindaco di Capoliveri, “se ai miei concittadini non interessa avere più corse a minor costo anche in inverno”. 

Certo che mi interessa, ma per raggiungere questo obiettivo non posso infrangere e né posso istigare ad infrangere la legge. 

L’Agcm, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato si è già espressa in tal senso così come si è successivamente adeguata la Port Autority, ente governativo indipendente. Ieri ho saputo che Blu Navy ha fatto ultimamente ricorso al Tar su decisioni della Port Autority. Staremo a vedere, ma quelle sono le sedi competenti dove poter dimostrare eventuali diritti che fossero stati lesi. 

La politica non c’entra e giustamente non ci deve entrare nulla. Voglio fare un piccolo esempio che riguarda la sanità. Ai sindaci interessa che l’ospedale funzioni e che vengano garantite al meglio le prestazioni: nessuno ha mai detto che vogliamo il primario Tizio e non il primario Caio, vogliamo un primario. A noi non interessa di che marca sia l’elicottero dell’elisoccorso, ci interessa che sia adeguato alle nostre esigenze. 

Un ultimo esempio: l’ascensore dell’ospedale. A nessun sindaco è venuto in mente di intervenire per avere una certa marca di ascensore o che vincesse una ditta invece che un’altra, a noi interessa che l’ascensore funzioni (magari).

E se sono anni che l’Asl, per problemi amministrativi non riesce a far funzionare un ascensore, pensate quanto possa essere complicata la situazione attuale dei trasporti marittimi considerato che questi sono anche disciplinati da una convenzione di Trasporto Pubblico locale stipulata tra Toremar e Regione Toscana, ente che rappresenta l’interesse pubblico.

Vengo anche accusato di contraddirmi perché “da una parte auspico la concorrenza, dall’altra voglio impedire la crescita di un’altra compagnia”. 

Nessuna contraddizione: ho detto che la concorrenza è sempre auspicabile ma non ho mai detto che voglio impedire la crescita di altre compagnie, anche perché non rientra neanche minimamente nelle mie competenze. Invece riguardo alle parole “pirati del mare” era un modo scherzoso per catalogare in generale tutti gli armatori, non solo quelli che operano sulla rotta del canale di Piombino. 

E comunque nel comunicato non mi sembra di aver detto qualcosa di tanto diverso dagli altri sindaci, secondo le loro dichiarazioni apparse sulla stampa locale, non smentite e che riporto qui di seguito.

Mario Ferrari – Sindaco Portoferraio “Io non c’ero solo perché sono a casa con l’influenza. Appena sarò in grado di tornare in ufficio e leggere cosa si è detto vi dirò la mia posizione”. 

Lorenzo Lambardi - Sindaco di Campo nell’Elba “Non ci sono schieramenti a favore di un privato piuttosto che un altro, abbiamo ascoltato le dichiarazioni dei comitati sui trasporti per cercare di risolvere questioni come barriere architettoniche sulle navi, orari e coincidenze con i pullman”. 

“Il ruolo degli amministratori, alla fin fine , è lavorare sul contratto che lega la compagnia pubblica al territorio, senza partigianerie di sorta. Il nostro intento è che il servizio sia all’altezza, nell’interesse dei cittadini, in particolare, ora, per quanto riguarda il periodo invernale Blu Navy da tempo sta chiedendo più slot, ma questa è una questione che riguarda l’Antitrust e l’Autorità Portuale, noi sindaci dobbiamo pensare ai cittadini e non sponsorizziamo alcuno a scapito di un altro”. 

Renzo Galli - Sindaco di Rio Marina “La verità sta sempre nel mezzo, abbiamo sentito le istanze di Blu Navy , ma anche quello che ha deciso fino ad ora l’Autorità Portuale che non credo voglia penalizzare la compagnia . Capisco il suo interesse ad aver più slot e il fatto che la compagnia ci fosse è servito, molto probabilmente, a calmierare i prezzi, ma noi dobbiamo tenere conto dell’interesse di tutti. L’antitrust si è già pronunciata e non credo che ci sia ostruzionismo nei loro confronti da parte dell’autorità portuale ma solo azioni nell’interesse pubblico”. 

Anna Bulgaresi - Sindaco di Marciana “Io sto dalla parte della gente, non devo rendere conto di quanto detto, ma se è possibile avere più passaggi in inverno non vedo perché non dovremmo sostenere una cosa di questo genere, abbiamo ascoltato molto tranquillamente le istanze dei comitati per i trasporti, al di fuori del contesto della conferenza sulla sanità . Non parteggiamo per nessuno ma se ci saranno più corse sarà meglio per i cittadini” 

Luca Simoni - Sindaco di Porto Azzurro “Ruggero sembra divertirsi ad andare ogni volta contro corrente, dal Comune Unico alle questioni della sanità e sull’ospedale elbano è andata spesso così. Io non ero presente alla Conferenza dei Sindaci, ma credo che i miei colleghi non volessero certo prendere posizione a favore di un privato piuttosto che di un altro. 

E’ comunque evidente che poter avere più corse e una concorrenza sui prezzi per tutto l’anno non possa che agevolare i nostri concittadini. Siamo tutti grati alla famiglia Onorato per quello che ha fatto in tutti questi anni sulla rotta Piombino-Elba, ma ciò non toglie che se si affaccia un nuovo operatore disposto ad investire ed a impegnarsi per tutto l’anno non lo si debba mettere in condizione di operare serenamente. Barbetti ha probabilmente travisato il pensiero dei miei colleghi”. 

Claudio De Santi - Sindaco di Rio nell’Elba “Devo dire oggi che per quanto riguarda l’aspetto legale Ruggero Barbetti ha ragione rispetto alla posizione colloquiale dell’ultima riunione. Noi non possiamo certo decidere od influenzare aspetti legati alla attività di privati ma dovremmo invece curare di più altri aspetti, tipo quelli della distribuzione degli orari, sia per quanto riguarda l’estate che per le corse invernali. 

Non è possibile avere corse una a ridosso dell’altra, e poi buchi anche di un’ora e mezza nelle partenze. Poi ben venga la concorrenza, specie nel periodo invernale. Su BluNavy sarà utile avere il massimo di chiarezza e garanzia per un trattamento equo da parte dell’Autorità Portuale”.

Andrea Ciumei - Sindaco di Marciana Marina “Non voglio fare polemica con Barbetti, ma credo che se una compagnia di navigazione chiede di aumentare la concorrenza non può che vedermi favorevole. Del resto, nessuno potrebbe avere nulla da eccepire su questo, e non è certo che si voglia favorire un privato piuttosto che un altro. Poi spetterà all’Autorità Portuale e a chi di dovere fare le opportune verifiche e decidere se la richiesta di Blunavy è corretta ed attuabile”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Attualità

Attualità

Sport