QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 17°20° 
Domani 15°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 19 aprile 2019

Attualità venerdì 06 novembre 2015 ore 21:07

Guerrieri: "Nessuno vieta le corse invernali"

Il commissario dell'Autorità Portuale chiarisce: "E' una questione tecnica e ci sono dei limiti oggettivi che le compagnie devono capire"



PORTOFERRAIO — Il moderatore del convegno promosso dalla Fondazione Elba, Gabriele Canè lo ha chiamato per ultimo a parlare perchè in tutta questa vicenda rappresenta quell'ente sopra le parti che deve dirimere le questioni inerenti a corse, slot e traghetti. Luciano Guerrieri non si tira indietro e fissa alcuni paletti perchè "L'Appe è garante di imparzialità".

"Bisogna capire - ha chiarito - che il problema è eminentemente tecnico: non c'è nessuna volontà di favorire una compagnia o un'altra o prendere una parte politica a scapito di un'altra. C'è stato un lavoro di istruttoria di tecnici qualificati e sono dati oggettivi sui quali non posso essere smentito. Il tutto tenendo presente che la sicurezza ha la priorità su tutto".

Difficile quindi immaginare dalle sue parole un possibile aumento delle corse estive: "Il limite degli otto minuti per ogni transito nel porto è stato trovato per la sicurezza di tutti: il porto di Piombino ha 25mila transiti all'anno, molti di più di Genova che è il più grande porto italiano. Il problema è che tutte le compagnie vogliono gli slot negli orari di punta ma il punto di equilibrio che abbiamo trovato ci è costato un grande lavoro e molta fatica da parte di tutti. L'unica cosa che si può fare è ampliare l'arco operativo della giornata ma già ora se qualcuno volesse fare corse in più in inverno o durante la notte nessuno avrebbe niente in contrario".

Quello che Guerrieri ci tiene a chiarire è che "Non si può parlare di monopolio. Quando c'è stata l'acquisizione di Toremar da parte di Moby l'autorità garante della concorrenza e del mercato si è espressa mettendo in chiaro quali erano le condizioni per la fattibilità (abbassamento della quota dell'operatore più grande sotto il 66%, ndr) e quelle condizioni sono state tutte realizzate nel 2012. Così abbiamo avuto l'ingresso di Blunavy e Corsica Ferries. Quella ripartizione è stata accettata e firmata da tutte le compagnie e vale per quattro anni, ora ne sono passati tre".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Attualità