QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 22°23° 
Domani 24°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 18 agosto 2019

Politica domenica 28 maggio 2017 ore 14:04

Si accende lo scontro, il confronto fa il pieno

Foto di: Alessandro Beneforti

I candidati a sindaco di Campo nell'Elba si sono dati battaglia sui programmi elettorali in vista delle elezioni amministrative dell'11 giugno



CAMPO NELL'ELBA — Il primo confronto diretto fra i candidati a sindaco di Campo nell'Elba segna uno spartiacque nella campagna elettorale che si appresta a vivere gli ultimi, accesi, giorni prima dell'appuntamento con le urne.

Giancarlo Galli, Lorenzo Lambardi e Davide Montauti si sono sfidati sul terreno delle proposte affrontando le domande del moderatore e del pubblico su un ampio ventaglio di argomenti durante il dibattito che si è tenuto ieri pomeriggio nella sala del bar Mach1 all'aeroporto di La Pila.

Non sono mancate frecciate reciproche, prevedibili in campagna elettorale, ma il tono generale è stato costruttivo e volto all'informazione dei quasi 200 ospiti presenti.

Il primo argomento di discussione, come concordato e accettato da tutti e tre i candidati, è stato l'aeroporto. L'introduzione di Claudio Boccardo, amministratore delegato di Alatoscana, ha posto sul tavolo una questione fondamentale: una volta messa in regola la pista con il primo allungamento da 80 metri, perchè l'aeroporto elbano sia competitivo, è necessario procedere al secondo allungamento di 200 metri spostando la provinciale.

Boccardo ha avuto le risposte che voleva, meno quelle che desiderava poichè se Lambardi si è detto pronto, in caso di elezione, a procedere con il progetto di allungamento chiedendo però alla GaT di finanziare in maniera più consistente l'aeroporto, Galli si è concentrato sulla messa in sicurezza della struttura mentre Montauti ha attaccato Alatoscana per la strategia commerciale saltando l'argomento pista.

Porto. Lambardi ha proposto un molo di sottoflutto all'interno del progetto regionale e una barriera lungo il fosso degli Alzi per evitare l'insabbiamento, Galli ha puntato sull'approvazione del piano strutturale e di un maggiore dialogo con l'Autorità Portuale regionale mentre Montauti ha proposto un pennello per dividere il porto dalla spiaggia.

Edilizia pubblica e privata. Priorità per Lambardi alla viabilità, al plesso di Via Roma e al recupero delle piazze nei centri storici, Galli punta sulla segnaletica, interventi sulle scuole e punta il dito sui Peep indiscriminati realizzati finora, Montauti promette maggiori rilievi sul territorio ma sfuma sullo stop alle costruzioni private espresso nel programma elettorale.

Commercio e promozione. Per Lambardi la via di rilancio del commercio passa per i Centri Commerciali Naturali e promette sgravi fiscali alle aziende legate al territorio mentre per la promozione punta deciso sui grandi eventi. Galli promuove la concertazione con le categorie, la cura delle frazioni e le infrastrutture turistiche, Montauti spingerà invece su un maggiore coinvolgimento della Pro Loco per la promozione.

Comune unico occidentale. Tutti e tre i candidati puntano a riportare a Marina di Campo la Polizia Municipale e sia Galli che Lambardi si dicono favorevoli alla fusione con Marciana e Marciana Marina una volta coinvolti i cittadini nella decisione. Montauti mette sul tavolo invece la novità della fusione con Capoliveri.

Le domande dal pubblico hanno visto i candidati esprimersi concordi sugli interventi di manutenzione per i corsi d'acqua per la mitigazione del rischio idraulico dovuto agli allagamenti, mentre sono emerse opinioni diverse sulla gestione del ciclo dei rifiuti: Galli e Lambardi puntano su una rinegoziazione dei contratti con Esa mentre Montauti vede una raccolta porta a porta nelle frazioni ma non a Marina di Campo.

Se le visioni convergono sulla sicurezza stradale (aumento dei passaggi pedonali rialzati), divergono sulla sanità: Lambardi propone una Casa della Salute nel versante occidentale, Galli punta sugli introiti della tassa di sbarco per migliorare le infrastrutture sanitarie del comune e Montauti propone una commissione comunale formata da medici per stilare gli interventi da realizzare.

Sostanziale accordo fra i tre candidati per l'eradicazione degli ungulati che mettono in pericolo la sicurezza stradale e per una più incisiva gestione delle fognature con Asa per porre rimedio alle perdite e agli svasi di liquami, l'ultima domanda ha riguardato le iniziative rivolte ai giovani: Lambardi propone un luogo comunale dove far convergere le associazioni, Galli punta su Pro Loco come centro di aggregazione mentre Montauti guarda alle associazioni sportive come referenti.

Significativi gli appelli di chiusura. Montauti ha puntato sulla propria verginità politica, Lambardi sulla compattezza e sulla competenza della squadra mentre Galli ha concluso rimarcando il proprio essere al di fuori delle logiche di partito.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Attualità