Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:19 METEO:PORTOFERRAIO23°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Plastica monouso: perché lo stop dell'Ue a quella biodegradabile colpisce solo l'Italia

Attualità lunedì 19 gennaio 2015 ore 11:18

Toremar, entro gennaio l'esecuzione della sentenza

Parla l'avvocato Marcello Vignolo, legale della compagnia Toscana di Navigazione: "Eravamo nel giusto e lo sapevamo, la sentenza ha fatto giustizia"



PORTOFERRAIO — "Eravamo nel giusto e lo sapevamo, non ci siamo arresi e abbiamo avuto giustizia". Non nasconde la propria soddisfazione l'avvocato Marcello Vignolo, titolare dello studio cagliaritano che ha curato la difesa della compagnia Toscana di Navigazione nel giudizio di fronte al Consiglio di Stato. Una difesa che il supremo giudice amministrativo ha ritenuto fondata ribaltando la sentenza del Tar che aveva invece accolto il ricorso di Moby consegnando alla famiglia Onorato le quote di Toremar.

"Ho letto le dichiarazioni di sorpresa di fronte alla sentenza del Consiglio di Stato - prosegue Vignolo - ma è una sorpresa che non ritengo giustificata: la sentenza del Tar era ingiusta così come lo era il diniego alla richiesta di sospensiva dell'assegnazione che avevamo presentato. Sapevano di avere una spada di Damocle sopra la testa, si dovevano aspettare un risultato come questo".

Vignolo prosegue lapidario: "A quella gara il mio cliente aveva presentato l'offerta migliore ed è stato escluso per un giudizio su di un'offerta aggiuntiva che la Regione poteva accettare o non accettare ma non inficiava l'offerta principale che, ripeto, era la migliore, come ha confermato il Consiglio di Stato. In pratica abbiamo offerto di più di quanto la Regione chiedeva e in nessun caso questo può andare a danno di chi la propone".

E proprio sulla Regione si spostano adesso i riflettori di questa vicenda: "Incontreremo a breve la Regione per ascoltare le proposte che ci verranno fatte ma la sentenza è chiara e noi ne chiederemo l'ottemperanza".

Che vuol dire entrare in Toremar ma sul come Vignolo apre a diversi possibili scenari: "Certo ci rendiamo conto che la situazione è cambiata con il passare del tempo: Toremar non ha più quel patrimonio che era l'oggetto della gara quindi il mio cliente valuterà tutte le alternative ma su un punto la sentenza è chiara: parla del passaggio delle quote e entro gennaio chiederemo ne chiederemo l'esecuzione".

Se quindi la proposta della Regione non dovesse soddisfare Toscana di Navigazione, oppure la compagnia ritenesse che Toremar non vale più l'offerta fatta, si aprirebbe il capitolo, per ora ritenuto residuale, del risarcimento del danno: "Certo - conclude Vignolo - sul tavolo c'è anche questa possibilità: c'è da calcolare il valore delle concessioni, i mancati introiti di cui il mio cliente non ha potuto usufruire, è un calcolo complicato anche perchè la somma sarebbe ingente. Ma prima aspettiamo le mosse della Regione".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo per 24 mesi non potrà avvicinarsi ai pubblici esercizi come bar, pub e ristoranti di piazza Cavour e delle zone adiacenti
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

STOP DEGRADO

Cronaca