Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:PORTOFERRAIO22°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Attualità martedì 26 aprile 2022 ore 08:00

Cento anni dei parchi, Sammuri apre l'evento

Il presidente di Federparchi Sammuri e il Presidente della Repubblica Mattarella
Foto di: Federparchi

Si sono svolte a Roma alla presenza del Presidente Sergio Mattarella le celebrazioni in occasione della nascita dei parchi nazionali



ROMA — A Roma si sono svolte le celebrazioni del 100 anno dei parchi alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ad aprire l'evento è stato il presidente di Federparchi e presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano Giampiero Sammuri.

Qui di seguito pubblichiamo testo del discorso di Sammuri.

"Signor Presidente della Repubblica
Onorevole Sottosegretaria, Autorità presenti, rappresentanti delle aree protette italiane


Oggi siamo qui per celebrare i 100 anni delle prime 2 istituite. Per volontà dei presidenti Cannata e Cerise, le manifestazioni di questi giorni e quelle che seguiranno fino all'anno prossimo celebreranno i 100 anni di tutto il sistema nazionale delle aree protette. Per questa sensibilità, li ringrazio di cuore.


In Europa siamo primi per biodiversità, abbiamo il maggior numero di specie animali e vegetali, tra esse 1300 piante e 10000 animali sono endemiche, cioè vivono solo in Italia.
Per questo primato le aree protette hanno dato un contributo decisivo: l'orso marsicano, il camoscio appenninico e lo stambecco salvati dai due parchi centenari . Ma anche tanto altro: il Gipeto e l'orso bruno nelle Alpi, il lupo, il falco pescatore, il cervo sardo, la vipera dell'Orsini, l'Ululone appenninico, l'Erebia dei Ghiacciai, la Rosalia alpina, la cernia bruna, il pino loricato, l'abete dei nebrodi, le faggete vetuste.
Il numero delle aree protette è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi 50 anni, prima con la nascita delle regioni e dal 1991 con la spinta della legge 394.


Oggi abbiamo 24 parchi nazionali, 135 regionali, 32 Aree marine protette e una rete di oltre 400 riserve naturali. Questo sistema copre il 10,5 % della superficie a terra e l'8% a mare. Con le aree natura 2000 esterne alle aree protette, raggiungiamo il 21% a terra e il 16% a mare. Un'estensione importante, ma l'Europa chiede di più, nella strategia per la biodiversità indica l'obbiettivo del 30% di territorio protetto sia a terra che a mare. Questo vuol dire aumentare di circa la metà la superficie a terra e quasi raddoppiare quella a mare.

Perciò è indispensabile completare l'iter per i parchi nazionali di Portofino e del Matese, istituiti dal 2017 e gli ampliamenti di parchi esistenti come quello importante e condiviso della Val Grande.


Ma le aree protette italiane non solo hanno contributo alla conservazione della biodiversità, molte di esse sono anche modelli per lo sviluppo sostenibile e per la transizione ecologica, prima ancora che questa divenisse una priorità nazionale. Valorizzazione di prodotti tipici e a basso impatto ambientale, turismo sostenibile, diffusione delle energie rinnovabili, riduzione delle emissioni sono azioni che da anni si fanno all'interno delle aree protette.


Nel 2019, prima della pandemia, si erano registrate 27 milioni di presenze nelle aree protette che determinavano 105mila posti di lavoro e movimenti per 5,5 miliardi di euro.
Nei parchi ci sono oltre 230mila aziende agricole, 150 prodotti DOP, DOC, IGP e IGT, con una grande presenza del biologico.


La recente importante modifica della costituzione: "la repubblica tutela l'ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell'interesse delle future generazioni" impone che tutte le istituzioni, a partire dal parlamento e dal governo assumano questi come valori fondamentali e la punta di diamante del nostro paese sono proprio le aree protette e la loro storia di 100 anni.


Anche se stiamo vivendo un momento difficile, non possiamo dimenticare che, senza un'attenzione alla sostenibilità ed agli equilibri naturali questo pianeta diventerà sempre meno vivibile per noi stessi, ma soprattutto per i giovani e le future generazioni.

Ecco perché una maggiore attenzione delle istituzioni al nostro straordinario patrimonio di biodiversità tutelato con forza dalle aree protette, non solo rappresenta il rispetto di un principio costituzionale, ma è anche un impegno ed una grande responsabilità per tutti noi.


Signor Presidente Lei nel suo discorso d'insediamento ha toccato in modo puntuale le tematiche ambientali, e ricordo ancora, con grande emozione quando 3 anni fa in occasione del trentennale della Federparchi ci ricevette al Quirinale, ascoltandoci con grande attenzione ed interesse.

Sono certo che oggi, come successe allora, una sua autorevole parola potrà stimolare un rinnovato interesse delle istituzioni verso le aree protette".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 91 anni ed era molto conosciuto per aver aperto il primo negozio di abbigliamento specializzato per bambini in città
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità