Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:PORTOFERRAIO12°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Cultura domenica 04 novembre 2018 ore 13:58

Un album musicale dedicato a Emilia d'Hercole

Tratta dal video dell'album Emilia d'Hercole

A realizzarlo è il Collettivo Decanter, gruppo musicale che ha soggiornato all'isola d'Elba grazie al progetto l'Elba del vicino, residenza d'artista



RIO — Arriva un nuovo album del Collettivo Decanter, il gruppo musicale nato a Torino dall’incontro tra musicisti appartenenti a vari gruppi della scena musicale indipendente jazz e folkloristica, composto da Marta Caldara, Marco Perona, Vincent Boniface e Alessia Galeotti. Il nuovo album, come si legge nella presentazione, è ispirato al mare ed è stato ideato nel Settembre 2017, quando il gruppo ha vinto un soggiorno per una residenza artistica di una settimana a Rio Marina, sull'isola d’Elba, nell’ambito del progetto "L’Elba del vicino". 

"Sono stati giorni artisticamente molto fertili, - spiegano dal gruppo - grazie al mare e alle miniere di Rio, ma soprattutto per il contatto con le tradizioni e le leggende dell'isola che hanno ispirato alcuni dei brani contenuti nell'album e che ne costituiscono il nucleo centrale".

Ad aprire  l’album la leggenda di Malopescio, un pescatore locale, dove grande suggestione hanno l'odore di zolfo, racconti di streghe e fattucchiere. La leggenda ambientata a Capoliveri che, dai racconti tramandati sull'Elba, un tempo veniva chiamato il paese delle streghe. Compaiono poi altre figure leggendarie e popolari dell'Elba come il Mago Chiò, nome che si era scelto Francesco Grassi, un artista analfabeta che visse a Portoferraio nel XIX secolo. Personaggio che divenne una figura leggendaria anche al di fuori dell’Isola d’Elba per la sua smania arrampicarsi sugli edifici per scrivere il proprio nome a caratteri cubitali in ogni dove e che, si racconta, morì per amore

Ma la storia che emerge su tutte le altre è quella di Emilia d’Hercole di Rio, collegata alla distruzione del villaggio di Grassera, meglio nota come la storia di Barbarossa e il bambino, che affonda le radici nel 1500. Per la suggestione indotta nei musicisti del collettivo, Emilia d’Hercole è il brano che dà il titolo al nuovo album.

La storia di Emilia d'Hercole infatti emerge prepotentemente dagli Archivi storici elbani e in particolare è stata raccontata attraverso originali documenti d'archivio nel libro "Tra il rigore della legge e il vento della storia. La condizione delle donne all'Isola d'Elba tra il XVI e il XVIII secolo", pubblicazione realizzata nel 2012 dall'ex Comune di Rio nell'Elba, allora ente capofila per le Pari opportunità, a cura di Gloria Peria, direttrice della Gestione associata degli archivi storici comunali dell'Elba. 

Il gruppo ha avviato una raccolta fondi per riuscire a produrre l'intero album e a diffonderlo sul sito Produzioni dal basso al link: 

https://www.produzionidalbasso.com/project/emilia-d-hercole-nuovo-album-del-collettivo-decanter/?fbclid=IwAR3a0dTLIoMuQxAgCenbJtOo9pQW3AMEa6cQfwL1qqUcL3YpyL-wvEBk3aM

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport