Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO20°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Attualità martedì 06 luglio 2021 ore 09:45

Morte di Bosi, altri messaggi di cordoglio

Chiesa di Santa Barbara, Rio Marina

Oggi alle 11,30 i funerali nella chiesa di Santa Barbara a Rio Marina e in seguito la tumulazione nel cimitero del paese tanto amato da Bosi



RIO — Questa mattina la comunità riese e l'Elba daranno l'ultimo saluto a Francesco Bosi, ex sindaco di Rio Marina e parlamentare, (vedi articoli correlati sotto) nella chiesa di Santa Barbara alle ore 11,30.

Dopo la scomparsa di Bosi, avvenuta domenica 4 Luglio, sono numerosi i messaggi di cordoglio e di ricordo dell'uomo e del politico molto stimato.

Claudio de Santi, ex sindaco di Rio Elba, lo ricorda commosso con le seguenti parole:

"Nel giorno dell’estremo saluto a Francesco Bosi mi tornano alla mente tanti episodi della nostra vita in comune. Ho conosciuto Francesco nel 1976, quando avevo 20 anni e lui ne aveva almeno 10 più di me: io all’epoca ero segretario della sezione Dc Romito Vittoria in Firenze. 

Siamo stati insieme per diversi anni nel comitato comunale della Democrazia Cristiana, condividendo idee e situazioni comuni, e ci siamo ritrovati poi a Rio. Da allora, anche se impegnato in contesti più importanti, mi ha sempre seguito: ricordo che mentre ero Sindaco, quasi settimanalmente, nei pochi giorni in cui ero a Firenze, passava dal mio ufficio per prendere un caffè e parlare della nostra Elba. 

Francesco era altamente convinto della bontà dell’unificazione delle due Rio e mi ha spinto tanto in tal senso, col rammarico di non essere riuscito a farla lui, non avendo trovato la sponda giusta nella sua collega dell’epoca.

Ogni anno, a Natale, fino allo scorso, riuniva gli amici democristiani a Firenze anche dopo anni dal suo abbandono della politica. La sua frase ricorrente era “il bene comune”, e ne ha fatto tanto, anche con persone che conosceva solo marginalmente, senza mai apparire.

Un amico prima di tutto, anche prima della politica: un continuo punto di riferimento e di confronto. Esemplare del suo modo di essere fu la frase che usò in un articolo scritto in un momento di difficoltà nel mio mandato da sindaco: “ho aspettato e riflettuto più a lungo - scrisse - prima di intervenire sui fatti di Rio nell’Elba, proprio perché sono amico di Claudio de Santi”. E come non ricordare il capitolo scritto dal lui nel mio libro “La Balena Bianca e la caduta dell’ultimo castello”, dove fu perfetto nel descrivere gli oneri (tanti) e gli onori (pochi) del pubblico amministratore.Oggi la nave che lo ha portato nella sua Rio Marina ha suonato le sirene per lui per l’ultimo saluto. Sono certo che lui lo avrebbe fatto per me. Oggi siamo tutti più poveri". 


Qui di seguito riportiamo uno stralcio dell'intervento del consigliere rregionale della Lega Marco Landi in ricordo di Francesco Bosi.

"Francesco Bosi mi ha cresciuto politicamente e come persona, con franchezza e senso critico, sempre aperto al confronto e al rispetto delle idee altrui; a lui mi ha legato per molti anni un rapporto personale, ed oltre ad essere stato mio testimone di nozze, mi ha insegnato l’Abc della politica. 

Lo ricordo con riconoscenza per aver dedicato la sua vita alla cosa pubblica e agli altri; una persona perbene, generosa, sempre disponibile; persona che ha creduto in un ideale - lui forlaniano - e che ha portato avanti con coerenza e lealtà. Mi volle vice-segretario della città di Firenze del CCD e coordinatore regionale del movimento giovanile, quando avevo da poco iniziato gli studi universitari e insieme abbiamo condotto tante battaglie.

Ci stringiamo oggi al dolore della famiglia, alla moglie Marina, ai figli Lorenzo, Paolo, Cristiana ed Emanuele, ai nipoti, e a tutti coloro che oggi lo ricordano con affetto e stima.

Francesco Bosi ha un cursus honorum che dovrebbe farci riflettere sull’importanza della gavetta che lui ha fatto nella DC e che oggi la nostra classe dirigente nei partiti e nelle istituzioni possono solo invidiare.

Una lunga carriera politica-istituzionale: attivo nel sociale (co-fondatore dei circoli MCL) e nel sindacato (CISL), consigliere comunale, capogruppo, assessore comunale, consigliere regionale, parlamentare, sottosegretario e

sindaco di Rio Marina, dal 2001 al 2011, eletto e riconfermato con oltre il 71%.

Oggi Rio gli darà la sepoltura, e il testimone che lascia per un’Isola d’Elba e una Toscana più forte e ambiziosa è una sfida che gli dobbiamo e che porteremo avanti nel suo ricordo".

“Non riusciamo ad esprimere con le parole il dolore avuto nell’apprendere la triste notizia della scomparsa del caro amico Francesco, che ci ha lasciati dopo lunga malattia. Tutti i componenti della nostra Associazione, di cui Francesco è stato tra i fondatori profondamente rattristati per questa perdita, porgono le più sentite condoglianze ai familiari". 

Queste le parole di Elena Carletti, presidente dell’Associazione Culturale Carlo d’Ego – Riesità.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel mirino della Guardia di finanza una serie di beni di proprietà e nella disponibilità di un commercialista. Sequestri anche sul territorio elbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Attualità