Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PORTOFERRAIO15°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel bunker segreto dei droni: così gli ucraini li armano e li adattano per la guerra

Politica martedì 19 dicembre 2017 ore 06:00

De Santi: "Avevo ragione, qualcuno ora si scusi"

Claudio De Santi

Il commissario prefettizio ha preso atto del disavanzo di bilancio e ne ha disposto il ripiano anche attraverso i contributi derivanti dalla fusione



RIO ELBA — Nonostante un rinvio nella decisione finale della Corte dei Conti Sezione Regionale di controllo per la Toscana,     sembra avviarsi definitivamente alla conclusione la vicenda legata agli accertamenti di bilancio relativi ad alcune "criticità o irregolarità gravi" a carico del rendiconto 2014 del comune di Rio nell'Elba.

Con la Deliberazione del Commissario Prefettizio n.23 del 7 dicembre 2017 (pubblicata all'Albo Pretorio il 10 dicembre, ndr) avente oggetto "Presa d'atto deliberazione n. 160/2017 della Corte dei Conti Sezione Regionale di controllo per la Toscana relativa all'esame del Rendiconto 2014 e conseguente adozione misure correttive", il commissario dottor Parascandola, affiancato dall'altro commissario dottor Cramarossa (incaricato di chiudere il bilancio consuntivo 2016) e dal funzionario esterno incaricato dell'ufficio finanziario dottor Bugiani, ha definitivamente fissato il disavanzo di amministrazione al 31/12/2014 in 2.368.791 euro, prevedendone inoltre il ripiano in quattro anni, attraverso l’ipotesi di un recupero di entrate tributarie evase, qualora questo avvenga davvero in modo massiccio, ma anche attingendo al contributo regionale e statale per la fusione con il comune di Rio Marina.

Come si ricorderà, l'amministrazione De Santi, nel 2015, aveva già intrapreso di propria iniziativa, attraverso consulenze esterne, una verifica dei bilanci dal 1999 al 2014. Da quella verifica emerse una forte situazione debitoria legata all’utilizzo per spese correnti di fondi vincolati alla realizzazione di opere pubbliche. Lo stesso De Santi, dopo aver preso atto della situazione finanziaria dell'ente certificata dalla Corte dei Conti con delibera n. 160/2017 dell'8 agosto scorso  con cui si richiedeva la revisione del bilancio 2014 e di quelli successivi, rassegnò le proprie dimissioni ,  ritenendo che non ci fossero le condizioni finanziarie per la prosecuzione di un fattivo mandato.

"E' dal 2015 che dico esattamente quello che oggi viene confermato dal Comune stesso - commenta Claudio De Santi - e sono sempre stato smentito dalla minoranza che asseriva che tutto ciò non fosse vero. Oggi ho l'orgoglio di poter dire - continua l'ex sindaco - di essermi dimesso per il bene di Rio Elba: sapendo che prima o poi la verità da me affermata sarebbe stata confermata, ho messo in salvo il paese con la riunificazione, che era l'unica strada possibile."

"Sono riusciti forse  a fare fuori me - conclude amaramente Claudio De Santi - ma non la verità e la giustizia. Spero che ora qualcuno chiederà scusa, non solo a me ma anche e soprattutto ai Riesi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Puntuale, come ogni domenica, il cinghiale scende in parse per cercare cibo e così placare la sua fame
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità