Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO20°33°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità lunedì 06 luglio 2020 ore 18:45

"Sanità al limite, necessario assumere personale"

ospedale di Portoferraio
Foto di repertorio

Cisl-Fp e Uil-Fpl segnalano che le criticità dell'ospedale elbano e chiedono un piano di assunzioni frutto di un confronto con operatori e sindacati



PORTOFERRAIO — Sulla situazione della sanità con una nota congiunta intervengono Cisl-Fp e Uil-Fpl che segnalano ancora una volta carenza di personale e servizi che vanno avanti in modalità ridotta rispetto alle potenzialità. Una nota che arriva all'inizio della stagione estiva quando la sanità elbana diventa punto di riferimento non solo per i residenti ma anche per tutti i turisti ospiti sull'isola.

“Qualcosa è stato fatto, ma evidentemente non è abbastanza”, afferma Francesco Redini, segretario provinciale della Cisl-Fp. “E’ sotto gli occhi di operatori e cittadini che la situazione all’Elba non è più sostenibile”, rincara Emilio Chierchia, segretario provinciale della Uil-Fpl. 

Nella nota congiunta dei due sindacati viene sottolineato che "la situazione nel presidio di Portoferraio è davvero critica. L’Elba si sta avviando a riavere i numeri storici della stagione estiva e il presidio risponde con un’offerta di 7 posti letto in medicina media intensità, a fronte degli storici 21 posti e 10 di alta intensità, palesemente insufficienti. La conseguenza è che gli utenti della medicina vengono appoggiati in chirurgia, tornando a quello che abbiamo sempre osteggiato e cioè le degenze multidisciplinari. Si perché in chirurgia, appena riaperta e già in difficoltà di personale infermieristico e oss, ci sono già posti di ospedale di comunità, chiuso nei mesi scorsi per emergenza Covid. Si aumenta il rischio di errori e un carico psico-fisico degli operatori". 

"Di fatto - prosegue Redini - l’emergenza Covid all’Elba l’abbiamo affrontata aprendo la bolla e chiudendo tutto il resto, cioè a costo zero o quasi, a differenza di altri presidi della Usl nord ovest, dove il potenziamento è stato reale e sensibile.

Chierchia aggiunge: “Il nuovo pronto soccorso è stato un bell’evento per l’isola, peccato che manca un vero potenziamento del personale, che permetta per esempio di aprire la degenza breve, presente in tutti i pronto soccorso, e che farebbe da filtro ai ricoveri. Infine l’ospedale di comunità, vero sostegno alle famiglie e al territorio, non può essere riaperto perché il numero di operatori sull’isola non lo consente e quelli che ci sono sono impegnati in una bolla che non può essere chiusa, in quanto i reagenti per individuare i positivi covid sono insufficienti per garantire una diagnosi veloce". 

"Tutto questo a 5 mesi dall’emergenza Covid, non è più ammissibile. - conclude Redini -  Di fatto assicurare i check point all’ospedale, ai distretti e al carcere sottrae operatori all’assistenza e rimanda sempre al nocciolo del problema: i numeri sono insufficienti. Per l’Elba occorre una volta per tutte un piano assunzioni specifico e frutto di un confronto con operatori e sindacati, che possa dare una risposta reale a problemi ormai storici. Il ricorso agli interinali ormai non è più una soluzione. Le assunzioni ci sono state in Usl nord ovest, ma all’Elba sono arrivate con il contagocce e sono chiaramente insufficienti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il maestro pasticcere, giudice della trasmissione Best Bakery prodotta da Sky, si è concesso per alcuni scatti durante il suo soggiorno elbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Sport

Politica