Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:42 METEO:PORTOFERRAIO20°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità lunedì 15 maggio 2017 ore 09:32

Progetto di centro di accoglienza per i poveri

La Fondazione San Giuseppe, la Caritas locale e il Circolo Sandro Pertini chiedono di aprire un centro di accoglienza temporanea



PORTOFERRAIO — Un centro di accoglienza temporaneo, intitolato a don Mario Marcolini, rivolto alle persone in difficoltà abitativa o esistenziale.

E' la richiesta avanzata al presidente della conferenza dei sindaci Anna Bulgaresi da tre associazioni elbane: la Fondazione San Giuseppe, la Caritas locale e il Circolo Sandro Pertini con una lettera inviata anche al vice prefetto Daveti affinchè si possa realizzare un incontro istituzionale.

"Da oltre un anno stiamo analizzando il problema del disagio esistenziale e della povertà presenti sulla nostra isola - scrivono le tre associazioni - questioni riportate spesso dai media locali, che hanno bisogno di risposte concrete e solidali. 

Il principio di solidarietà e di parità sociale è garantito del resto dall'art. 3 della Costituzione. Nella riunione conclusiva tra i tre enti le associazioni sono giunte a valutare la necessità della creazione di un centro di accoglienza temporaneo, intitolato a don Mario Marcolini, rivolto alle persone in difficoltà abitativa o esistenziale.

Un progetto impegnativo, che trova riscontro nei dati forniti dal Servizio Assistenza Sociale dell'Asl, dai quali emerge un quadro di crescenti situazioni di povertà nei vari comuni isolani, e quindi quanto stiamo proponendo certamente potrebbe essere una risposta efficace e tangibile ad un disagio riconosciuto da parte di tutto il territorio.

Per questo chiediamo un incontro con la Conferenza dei Sindaci, in tempi brevi, per mettere ulteriormente a fuoco la tematica, promuovendo in seguito altre iniziative, a cui chiediamo di far partecipare anche rappresentanti del Servizio di assistenza sociale dell'Asl.Con la certezza che il nostro invito sarà raccolto, inviamo i migliori saluti".

Secondo il piano operativo allegato alla lettera le tre associazioni formerebbero un comitato costituito da rappresentati delle stesse e il centro per l'accoglienza temporaneo verrebbe dotato di dormitorio e laboratorio culturale.

Le persone accolte dovranno poi trovare, appena possibile e secondo un piano ad hoc, una sistemazione stabile, secondo le regole esistenti e previste dai vari comuni isolani.

A tale scopo verrebbe creata un'equipe operativa più ristretta, composta specialisti in grado di affrontare tali problematiche, coordinata dagli assessori comunali del settore, dalla Caritas e dai sindacati unitari o altri che abbiano competenze manageriali e attivando ulteriori studi sul fenomeno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È accaduto nel pomeriggio di oggi. Il fumo era visibile verso sud di Punta Calamita. Operazioni di soccorso della Guardia Costiera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità