Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:48 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Attualità giovedì 02 marzo 2017 ore 11:43

Appello alle parrocchie per l'accoglienza migranti

Leonello Ridi, responsabile della Caritas Diocesana, si rivolge alle parrocchie sul territorio per trovare le strutture adatte all'accoglienza



PORTOFERRAIO — Potrebbero essere le parrocchie il fronte aperto per l'accoglienza migranti all'Elba. A suggerirlo è Leonello Ridi, responsabile della Caritas Diocesana per Massa Marittima, Piombino e Elba che ci risponde sulla disponibilità della diocesi a collaborare con la Prefettura dopo il secco no dei sindaci.

Dopo aver registrato la disponibilità delle maggiori associazioni di volontariato a gestire gli eventuali spazi e farsi carico della gestione di piccoli numeri di migranti e richiedenti asilo, attività che sarà oggetto del bando della Prefettura di prossima pubblicazione, si è reso necessario interrogare sul merito la diocesi per completare il ventaglio degli enti che, in altre parti d'Italia e della Toscana, hanno risposto all'appello dello Stato.

Anche nel caso della Caritas si conferma sia la disponibilità che il limite della mancanza di spazi attrezzati: "Purtroppo non abbiamo immobili disponibili da destinare alla richiesta della Prefettura - spiega Ridi - ma come facciamo altrove nel territorio di competenza della diocesi, possiamo fornire supporto logistico o beni di prima necessità che siamo riusciti a raccogliere".

"A Follonica e a Piombino - continua - si è mossa la Prefettura contattando le associazioni, a Suvereto l'associazione Articolo 2 gestisce una villa che era abbandonata ed è stata attrezzata allo scopo come so che un privato ha messo a disposizione una casa che era in disuso. Sull'Elba invece non abbiamo ancora degli spazi adeguati".

In realtà una struttura di competenza diocesana ci sarebbe a Portoferraio, in pieno centro storico e nei pressi del Comune: "Sì, abbiamo una casa di accoglienza che al momento è destinata alle famiglie dei detenuti del carcere di Porto Azzurro che la usano quando vengono a trovare i parenti".

"In realtà diversi immobili che si pensa fanno capo alla diocesi sono invece nella disponibilità diretta delle parrocchie - continua Ridi che lancia quindi un appello - si tratta di piccoli immobili che potrebbero ospitare poche persone e forse rappresenterebbe anche un modo più semplice di gestire il problema. Se i parroci esprimessero la propria volontà di accogliere qualche migrante noi forniremmo tutto l'aiuto possibile".

Ed effettivamente non sono pochi gli spazi che i parroci elbani hanno a disposizione: a Portoferraio ci sono 2 piccoli appartamenti che ospitano in tutto 6 persone attualmente in comodato all'associazione Dialogo, uno spazio è disponibile anche a Porto Azzurro e uno a Capoliveri. Stessa situazione in praticamente tutti i comuni.

"Quello che posso consigliare perchè è già stato fatto altrove - conclude il responsabile della Caritas - è rivolgermi alle realtà locali affinchè creino una rete solidale per gestire i profughi e i richiedenti asilo. Poche unità sul territorio e una condivisione della gestione nelle altre province hanno permesso un modello di integrazione di successo".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un avviso meteo per forte vento di Scirocco e mareggiate sull'Arcipelago e la costa sud della Toscana
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità