Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:53 METEO:PORTOFERRAIO15°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo saluto a Luana, morta sul lavoro a 22 anni: applausi, palloncini e forte commozione

Politica martedì 02 maggio 2017 ore 14:52

La Lega contro la chiusura della Stradale elbana

La consigliera regionale della Lega Nord, Elisa Montemagni, si oppone alla soppressione del distaccamento elbano della polstrada



PORTOFERRAIO — "Il Ministero dell’Interno, com’è noto - afferma Elisa Montemagni, consigliere regionale della Lega Nord - ha emanato un apposito decreto in cui specifica che una ventina di distaccamenti territoriali della Polizia Stradale verranno soppressi, tra questi, c’è anche quello attualmente operativo a Portoferraio". 

"Riteniamo insensata - prosegue il consigliere - tale decisione che, probabilmente, si concretizzerà prima dell’estate, poiché il presidio all’Elba è, a nostro avviso, fondamentale, considerata anche la generale e giusta richiesta di maggiore sicurezza da parte dei cittadini".

"Già - precisa Montemagni - le forze di polizia sono quotidianamente alle prese con ataviche carenze di mezzi e di uomini e quindi la chiusura del citato distaccamento è assolutamente intollerabile.

A tal proposito, dunque - conclude Elisa Montemagni - ho predisposto una mozione in cui chiedo al presidente Rossi ed alla giunta toscana di porre in essere ogni possibile concreta iniziativa nei confronti del governo nazionale per impedire l’improvvida chiusura del predetto reparto, manifestando, anzi, l’opportunità, di rafforzare, se possibile, il presidio elbano".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS