Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:32 METEO:PORTOFERRAIO16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gilda Sportiello, deputata 5stelle alla Camera: «Ho abortito e non me ne vergogno»

Cultura venerdì 24 febbraio 2017 ore 16:54

Inaugurata la mostra al Forte Inglese

​Inaugurata al Forte Inglese la mostra Animali e piante dalle Americhe all'Europa del museo di storia naturale G. Doria di Genova



PORTOFERRAIO — Il 24 febbraio alle ore 10 alla presenza del presidente del Parco Giampiero Sammuri e dell’assessore alla Cultura del Comune di Portoferraio Roberto Marini, è stata inaugurata a Forte Inglese una mostra su Animali e piante dalle Americhe all'Europa del Museo di Storia Naturale G. Doria di Genova. 

L’esposizione sarà aperta da febbraio a giugno e comprende 30 pannelli che illustrano le principali piante agricole, le ornamentali e gli alberi introdotti in Europa dalle Americhe e si propone di richiamare l'attenzione su alcuni dei principali rapporti del mondo animale e di quello vegetale delle Americhe al nostro continente.

Realizzata nel 1992 dal Museo Civico di Storia Naturale di Genova, 500 anni dopo la scoperta del contenente americano, a distanza di 25 anni viene oggi riproposta dal Parco Nazionale grazie alla disponibilità del Museo di Storia Naturale di Genova e con la collaborazione del Comune di Portoferraio. 

I temi e gli spunti di studio proposti sono ancora oggi molto attuali, in un momento storico in cui è fondamentale capire quanto l'integrazione, lo scambio e la migrazione di piante, animali e uomini sia la grande ricchezza e il patrimonio comune dell'intera umanità da cui derivarono e derivano tutt’ora conseguenze sociali e mediche di enorme impatto.

I pannelli ripercorrono il tema della scoperta dell'America: evento storico dalla portata colossale che ha creato le premesse per un interscambio di specie animali e vegetali tra vecchio e Nuovo Mondo. I flussi dei materiali viventi, che in direzioni opposte hanno varcato l'oceano in questo mezzo millennio con ritmi variabili e con percorsi spesso non lineari, meritano ancora oggi una attenta e complessiva riflessione.

Fra i tanti aspetti dell'epopea colombiana e delle sue conseguenze, il tema naturalistico è senza dubbio il più importante e il più consistente. Gli autori Lia Capocaccia Orsini e Giorgio Doria ne offrono con questa mostra una sintesi scientifica e divulgativa di vivo interesse. 

La mostra cerca di analizzare le circostanze, le motivazioni che ne hanno determinato l’introduzione e i grandi mutamenti che ne sono conseguiti, sia negli equilibri ambientali che nella vita stessa dell’uomo, nei suoi risvolti socio-economici, nell’alimentazione, nella salute e in generale nei costumi di vita. 

L’esposizione è frutto del lavoro di zoologi, botanici, storici dell’economia, dell’arte, dell’agricoltura etnologi, medici, farmacologi, esperti in fitopatologia, in gastronomia.

La mostra sarà aperta da febbraio a giugno nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 17 alle 19. La visita delle scuole è su appuntamento.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Mostra animali e piante dalle Americhe all'Europa del Museo di Storia Naturale G. Doria di Genova
Roberto Marini Mostra Forte Inglese

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Sport

Sport