Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PORTOFERRAIO22°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

STOP DEGRADO sabato 01 maggio 2021 ore 08:00

Piazzetta Pietri, "a quando la sicurezza?"

Riccardo Nurra segnala la necessità di bonificare la zona e metterla in sicurezza dato che si trova vicino ad una scuola e ad un supermercato



PORTOFERRAIO — "Oramai si è detto e ripetuto tante volte che noi a Cosmopoli siamo speciali. Quando vediamo nel nostro paese qualcosa di nuovo che è brutto, subito ci indigniamo e proviamo un senso di fastidio per un nuovo sconcio; poi, piano, piano ci adattiamo, ci abituiamo e non ci facciamo quasi più caso. Oggi parliamo della zona di piazzetta Pietri".

La segnalazione arriva da Riccardo Nurra che spiega: "Non sarà il centro storico, ma è pur sempre una zona molto frequentata: una scuola, un supermercato, una scuola guida, l'Aci e in mezzo a tutto ciò, come una balena arenata e agonizzante, la struttura del vecchio glorioso Cinema Pietri. E allora cosa è stato fatto per bonificare la zona e metterla in sicurezza? C'è stata messa la fettuccia biancorossa".

"La fettuccia - prosegue Nurra - è come la “bomba” di quando eravamo piccini e si giocava a “rimbiattarelli”, quella ci liberava e così fa la fettuccia, messa quella siamo a posto come il diamante: “è per sempre”. E' come le quattro frecce delle auto che quando le accendiamo si pensa di poter far di tutto. Si, ma ora non c'è più neanche quella: è tutta strappata". 

"E questo sarebbe eventualmente il modo di impedire a dei ragazzini di passare nella zona pericolosa? - aggiunge Nurra - Qualcuno potrebbe rispondere che è una segnaletica temporanea, ma non è così. Sono anni oramai che quei brandelli sventolano alla brezza. E non diamo la colpa al Covid che ce n'ha tante, ma questa no. So che la struttura non è del Comune, ma la responsabilità per la sicurezza dei cittadini e del decoro si. E allora vogliamo aspettare dell'altro? C'è sempre bisogno che qualcuno lo faccia notare?"

"Magari “temporaneamente” isoliamo la zona pericolosa con un robusto tavolato o dei pannelli, perché si pensa che la fettuccia sia per sempre, ma non è così. E noi, oramai soliti “barocci”, ci siamo abituati, stiamo zitti e facciamo finta di niente. Toc, toc, toc. C'è qualcuno in Biscotteria?", conclude Nurra.


Ricordiamo che è attiva la rubrica dal titolo Stop al degrado, per la quale i lettori possono inviare foto e segnalazioni scrivendo una mail alla redazione elba@quinews.net oppure scrivere un messaggio tramite messenger sulla pagina Facebook di QUInews Elba.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al via l'apertura del Rallye Elba storico con l'edizione 2021 dedicata ad Elio Niccolai e Capoliveri omaggia organizzatori ed evento internazionale
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Politica