Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PORTOFERRAIO13°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Commesso eroe salva la collega dal rapinatore con la pistola puntata

Attualità mercoledì 31 maggio 2023 ore 08:02

Ztl e seconde case, osservazioni e diritti

Veduta del centro storico di Portoferraio

Ad intervenire sui diritti dei proprietari di seconde case, citando anche una sentenza del Tar dell'Umbria, è una docente di Diritto pubblico



PORTOFERRAIO — Sul divieto di transito per i familiari dei proprietari delle seconde case nel centro storico di Portoferraio, disposto dall'amministrazione comunale, pubblichiamo alcune osservazioni di una lettrice.

"Riguardo alla limitazione dell’accesso al centro storico per i proprietari di seconde case e per i loro familiari vorrei presentare alcune osservazioni:

1) I proprietari di seconde case pagano ogni anno IMU e TARI di ammontare molto maggiore rispetto ai residenti proprietari di prime case;
2) A fronte di questa esosa contribuzione annuale, gli stessi beneficiano dei servizi del Comune (raccolta immondizia e parcheggio) per un periodo di tempo molto limitato, spesso solo per qualche settimana nei mesi estivi;
3) L’acquisto di una seconda casa al mare è un investimento molto importante per una famiglia ed è teso a godere di una casa per trascorrere il tempo libero dal lavoro assieme a nonni, figli, nipoti, e/o a consentire loro di godere della casa di famiglia, alternandosi, per qualche giorno o settimana", scrive Astrid Zei, professore associato di Diritto pubblico comparato presso il Dipartimento di Scienze Politiche e coordinatore accademico per la Mobilità internazionale Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

"L’interdizione del transito per tutti i componenti della famiglia, ad eccezione del proprietario (una targa), significa: - prosegue Zei - 
A) non potere portare la macchina sotto casa per scaricare i bagagli, i bambini piccoli, carrozzine e passeggini, eventuali attrezzature;
B) non poter scaricare la spesa, e soprattutto l’acqua (e non è inutile sottolineare che nel centro storico non esiste alcun supermercato), per trasportare persone anziane, per caricare eventuali rifiuti ingombranti da consegnare all’isola ecologica, così come lo sfalcio per le case con giardino (l’ESA non raccoglie lo sfalcio, ma bisogna conferirlo personalmente all’isola ecologica fuori dal Paese);
C) mettere in difficoltà persone che, pur essendo in grado di camminare, presentano problemi di salute, spesso legate all’età, che sconsigliano le camminate in salita sotto il sole (cardiopatici, obesi, persone anziane con problemi al ginocchio, all’anca, etc.)".


"Il divieto di transito per tutti i componenti della famiglia per la quale è stato voluto l’investimento della seconda casa si configura dunque come una limitazione del diritto di proprietà, che comporta il diritto di godere di un bene potendone fare l’uso normale per il quale esso è stato acquistato, - aggiunge - vale a dire godere di una casa di famiglia al mare con la famiglia e anche lasciando che genitori e figli possano alternarsi durante l’estate per un breve periodo. Se questo non fosse possibile, chi comprerebbe una (costosa) seconda casa a Portoferraio?"

"Rimanendo sul piano strettamente giuridico, ritengo che le limitazioni che si paventano siano illegittime. - spiega Zei - 
I proprietari di seconde case dovrebbero almeno essere equiparati ai titolari di un contratto di affitto non residenti, e dunque dovrebbero avere il permesso di sostare nella ZTL (una targa) e di registrare anche (almeno) una seconda targa per un altro componente del nucleo familiare.
A questa conclusione è giunto anche il TAR dell’Umbria (TAR Umbria, sez. I, sentenza 27 febbraio – 28 marzo 2018, n. 182) che ha considerato illegittima l’interdizione della sosta nel centro storico di Spoleto per i proprietari di seconde case non residenti, e il regime di maggior favore accordato ai titolari di un contratto di locazione, sottolineando come il “proprietario di immobile sito nel centro storico si trovi in una situazione sostanzialmente identica a quella del titolare di contratto di locazione, essendo entrambi in possesso di un diritto reale di godimento seppur in base a titoli diversi (la proprietà il primo e la locazione il secondo). Ne consegue che una lettura costituzionalmente orientata e coerente con la natura intrinseca del diritto reale di godimento in contestazione, imponga che le ordinanze comunali (…), lungi dall’essere annullate, debbano essere correttamente reinterpretate”."

"Spero pertanto che l'accesso alla ZTL del centro storico di Portoferraio possa essere regolato tenendo conto di tutti i diritti in campo", conclude Zei.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La coppia era sullo yacht insieme al comandante quando è scoppiato l'incendio e sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica