Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:27 METEO:PORTOFERRAIO11°14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lupo a spasso nel centro abitato di Pescara: il video dell'incontro

Politica sabato 29 luglio 2023 ore 08:29

Zini, "Tentativo maldestro di incolparci"

Angelo Zini, sindaco di Portoferraio

Il sindaco di Portoferraio Angelo Zini replica al consigliere di minoranza Di Tursi e annuncia l'arrivo di consistenti fondi del Pnrr



PORTOFERRAIO —  Assistiamo negli ultimi giorni ad un risveglio del consigliere Di Tursi che prelude alle prove generali di inizio campagna elettorale. Noi, invece, siamo al lavoro per la città anche perché per il “fine corsa” di questa Amministrazione il consigliere dovrà attendere ancora diverso tempo in cui potranno e dovranno accadere tante cose". 

Lo ha dichiarato il sindaco di Portoferraio Angelo Zini in risposta alle affermazioni del consigliere di minoranza di Forza del Fare Paolo Di Tursi.

"Quindi non entriamo in polemica sulle valutazioni del mandato di Cosmopoli Rinasce. - proseguono Zini - Lo faremo e lo testimonieremo a tempo debito. Ci preme in questo momento solo sottolineare che, se nello stesso nome della nostra Lista allora sentimmo la necessità di inserire la parola “Rinasce”, lo si fece perché lo stato della città lasciato da chi il consigliere Di Tursi rappresenta ancora come eredità politica, oltre che di singoli esponenti, era da mettersi le mani nei capelli. E, quando adombra indefiniti deficit strutturali che starebbero per arrivare, il consigliere tenta un gioco maldestro di scaricare sulla giunta Zini responsabilità di equilibri di bilancio quando sa bene che dovrà chiedere spiegazioni ad alcuni componenti della sua lista o ad altri che sono stati e sono tutt’ora in Consiglio Comunale della precedente Amministrazione".

"Infatti il consigliere omette di dire che per ora il monitoraggio a cui siamo sottoposti dalla Corte dei Conti è riferito agli anni 2015, 2016, 2017, 2018, 2019, cioè - spiega Zini - quando amministravano altri, appunto coloro di cui il consigliere Di Tursi è erede politico. Il consigliere potrebbe, in effetti, rimanere poi deluso se gli raccontassimo che sulla città di Portoferraio sono arrivati e arriveranno direttamente o indirettamente oltre 10 milioni di risorse derivanti dal PNRR o da altri trasferimenti pubblici finalizzati alle scuole, al patrimonio storico culturale, alla viabilità, al cimitero comunale, alle strutture del porto. Il lavoro e la visione del Comune ha portato alla definizione di progettualità che non abbiamo trovato e che si è dovuto costruire, anche con la forte collaborazione ed intesa con altre istituzioni come la Provincia, il Parco Nazionale, l’Autorità di Sistema Portuale. In realtà il consigliere queste cose le dovrebbe sapere perché glielo abbiamo spiegato tante volte. Così come gli abbiamo detto che da quando siamo entrati in questo Comune sono state fatte circa 30 nuove assunzioni le quali, al netto di chi è uscito, porta ad un saldo positivo di più 10 dipendenti (mai accaduto negli anni precedenti)". 

"Ma, ripetiamo, non siamo ai titoli di coda. Anzi. Ne riparleremo con dovizia di particolari. L’ultima uscita del consigliere riguarda un altro tentativo maldestro di addossare a questa Amministrazione un salasso dal punto di vista dei tributi IMU e addizionale comunale. Le delibere che andranno in Consiglio Comunale lunedì prossimo prevedono l’aumento dell’aliquota ordinaria IMU dal 9,8 per mille al 10,4 per mille mentre restano invariate tutte le altre aliquote (aliquota zero per terreni agricoli, per fabbricati strumentali agricoli e per immobili merce, aliquota 8,00 per mille per abitazioni concessi in comodato gratuito ai parenti). Inoltre per l’addizionale comunale si passerà dallo 0,7 al 0,8 per cento, ma introducendo una soglia di esenzione per redditi fino a 12.000 euro. Questo sarebbe il salasso. Occorre altresì considerare che, su Portoferraio, le aliquote IMU e addizionale erano ferme da almeno un decennio e che dunque è necessario adeguarle per le mutate necessità del bilancio sulle maggiori spese nei servizi sociali e del personale. Assicuriamo il consigliere che quanto scritto in delibera è propriamente quanto avvenuto e non “un testo trasfuso da una delibera di qualche altro Comune”, magari elbano, e magari che il consigliere ritiene più virtuoso. E allora informiamo il consigliere che pressoché tutti gli altri Comuni dell’Elba, da anni, hanno l’aliquota ordinaria IMU al massimo di legge (10,60 per mille) che Portoferraio, invece, non applicherà ancora e sull’addizionale comunale ci allineiamo alla maggioranza degli altri Comuni elbani. Ad Maiora", conclude Zini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco i risultati dei controlli effettuati recentemente dai carabinieri sul territorio elbano per garantire la sicurezza sulle strade
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Sport

Attualità