Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:PORTOFERRAIO16°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 16 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Attualità venerdì 11 febbraio 2022 ore 09:40

Caccia, "da Atc reazione incredibile"

Il presidente nazionale di Libera Caccia replica alle dichiarazioni di Atc in merito all'ordinanza del sindaco contro la diffusione della peste suina



PORTOFERRAIO — "La mia modesta e non certo offensiva richiesta al sindaco di Portoferraio di ripensare, in termini socialmente (e scientificamente) più equi la sua ordinanza inibitoria delle gare cinofile sul proprio territorio a causa della pandemia di peste suina africana, ha scatenato la reazione del presidente dell’ATC 10 dell’Arcipelago toscano che ha lodato il provvedimento definendolo “…improntato alla prudenza alla luce delle linee guida, in tema di prevenzione della diffusione del virus, pubblicate sia dal Ministero della Salute, da ISPRA e dagli Istituti Zooprofilattici delle varie ASL e non certamente teso a “punire” questa o quella associazione venatoria/cinofila vietando le rispettive attività agonistiche". 

Il presidente dell'associazione nazionale Libera Caccia, Paolo Sparvoli, replica alle dichiarazioni di Atc che difende l'ordinanza del sindaco di Portoferraio e critica le parole dell'associazione (leggi qui l'articolo).

"Evidentemente, l’esponente di Federcaccia che guida l’ATC non ha letto attentamente il mio intervento - spiega Sparvoli - nel quale non lamentavo assolutamente un atteggiamento “punitivo” nei confronti di questa o quella associazione venatoria, come dice lui, ma proprio l’immotivata severità “a senso unico” nei confronti dei cinofili sportivi in genere. Una severità che lo stesso signor sindaco motivava onestamente con la necessità di “…evitare la disposizione di divieti di frequentazione di boschi e sentieri, a piedi o con mezzi a pedali e, nel complesso, di tutte le attività ricreative che si effettuano al di fuori dei centri abitati...”. Il presidente dell’ATC, invece, ritiene inappropriato l’aver definito demagogica l’ordinanza sindacale e dopo aver preso atto del malcontento che può essersi creato tra le associazioni cinofile, sottolinea che “…siamo di fronte ad una tutela di un interesse superiore generalizzato in campo venatorio e non solo".

"E' ben noto che la fonte di veicolo del contagio può essere anche il cane da seguita su cinghiale - aggiunge Sparvoli- e stante il fatto che a certi tipi di competizioni possono partecipare anche cani con relativi conduttori provenienti dalle zone già colpite dalla pandemia o già semplici frequentatori delle medesime, non c'è garanzia che non “approdi” all'Elba un cane partecipante alla gara cinofila su cinghiale il quale, del tutto inconsapevolmente da parte del suo proprietario/conduttore, sia un cane che è stato a contatto con il virus e pertanto potenziale veicolo di trasmissione della malattia”. Ecco, proprio qui sta il punto che evidentemente è sfuggito al presidente dell’ATC: se è vero, come è vero,che un cane da gara potrebbe contagiare il territorio isolano, è altrettanto vero che lo sesso potrebberobenissimo fare i cani dei turisti o le ruote dei biker, o le scarpe da trekking di un qualsiasi escursionista".

"Comprendo perfettamente che un certo tipo di turismo in un’isola a vocazione fortemente turistica sarebbe un’operazione traumatica e impopolare, - prosegue Sparvoli - ma ciò non toglie che vietare “solo” la frequentazione dei cinofili sportivi, possa apparire sicuramente punitivo e altrettanto sicuramente demagogico. Se l’ordinanza sindacale fosse stata dettata solamente da una lodevole prudenza, allora sarebbe stato legittimo e comprensibile inserire anche tutta una serie di altre attività e non solo la cinofilia sportiva. Questa, che piaccia o non piaccia al presidente dell’ATC, è la verità, e questo è ciò che intendevo far presente con il mio intervento.Piuttosto, quello che stupisce e appare davvero incredibile è proprio lo strano atteggiamento di un alto dirigente venatorio che, invece di difendere la categoria alla quale appartiene, difende a spada tratta un provvedimento sicuramente “monco” e altrettanto sicuramente “punitivo” nei confronti di tutti – e sottolineo tutti – i cinofili sportivi, indipendentemente dall’associazione di appartenenza".

"E, infine, stupisce che l’Associazione venatoria del presidente dell’ATC non prenda le distanze da una simile inspiegabile levata di scudi che molti cacciatori e cinofili faranno fatica a comprendere. A meno che questa non sia una posizione condivisa anche a livello nazionale", conclude il presidente di Libera Caccia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questa mattina i carabinieri hanno posto i sigilli ad una attività di vendita di materiale per edilizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Cronaca