Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:PORTOFERRAIO20°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La reazione di Chiellini al gol dell'Italia è entusiasta
La reazione di Chiellini al gol dell'Italia è entusiasta

Attualità domenica 06 febbraio 2022 ore 08:25

Caccia, "provvedimento punitivo e demagogico"

Dure le parole del presidente nazionale di Libera Caccia nei confronti dell'ordinanza del sindaco di Portoferraio per prevenire la peste suina



PORTOFERRAIO — "Il sindaco di Portoferraio, crediamo con la più nobile intenzione di salvaguardare l’economia dell’intera filiera zootecnica suinicola, ha preso carta e penna e, come al solito, è scivolato subito sul terreno infido della demagogia e della moda animalista, colpendo, innanzitutto e subito, non tanto la caccia ma uno degli aspetti sportivi ad essa collegati come la cinofilia venatoria".

Si apre così un intervento a firma di Paolo Sparvoli, presidente nazionale dell associazione Libera Caccia, in merito alla recente ordinanza per prevenire la diffusione della peste suina africana, firmata dal sindaco di Portoferraio (leggi qui l'articolo).

"Secondo il sindaco del primo comune per popolazione e secondo per estensione dell'Isola d'Elba, “…era necessario ed urgente adottare immediatamente misure atte al controllo e prevenzione della malattia nei cinghiali ed alla protezione dei suini allevati. - prosegue il presidente dell'assiciazione venatoria - Il tutto al fine di evitare la disposizione di divieti di frequentazione di boschi e sentieri, a piedi o con mezzi a pedali e, nel complesso, di tutte le attività ricreative che si effettuano al di fuori dei centri abitati…”In parole più semplici: “Visto che non possiamo proibire trekking, mountain-bike, ricerca funghi ecc., intanto cominciamo con il vietare la cinofilia”!"

"Peccato che il signor sindaco - prosegue Sparvoli - non sappia che questo terribile flagello della PSA si diffonde, anche e soprattutto proprio con il calpestare il terreno eventualmente infetto, riportando a casa (e vicino agli allevamenti dei suini) un virus che ha la proprietà di rimanere attivo per tempi lunghissimi. Ragion per cui, il pericolo di diffusione dell’agente patogeno non è tanto il movimento degli animali ma proprio la frequentazione umana dei luoghi eventualmente infetti".

"Quindi, vorremmo pregare l’egregio signor sindaco, di ripensare il suo provvedimento che, non solo sembra intempestivo trattandosi di un territorio isolano, ma è comunque immotivatamente e ingiustamente punitivo nei confronti di una sola categoria di cittadini", conclude Sparvoli.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno