comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°26° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 03 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, Zaia: «Siamo passati da rischio basso a elevato, non so a chi fare i complimenti sinceramente»

Politica lunedì 06 febbraio 2017 ore 14:29

"Bulgaresi, in due anni non hai ottenuto nulla"

Dura replica del sindaco Ferrari alla collega Bulgaresi sulla sanità, si infiamma la polemica fra i sindaci del centrodestra elbano



PORTOFERRAIO — "Caro sindaco Bulgaresi il suo attacco scomposto e pieno di acredine al sottoscritto non è sufficiente a distogliere l'attenzione da quella che è lo stato della sanità elbana oggi. 

Come hai ben sottolineato nel tuo articolo sono ben due anni che prendi schiaffi da parte dell'azienda ASL e che, purtroppo, non si ottengono i risultati sperati. Personalmente ritengo che siano molti di più gli anni in cui sei stata presa a schiaffi. 

Il tuo programma che prevedeva tutta una serie di servizi esclusivamente dedicati all’Elba (neonatologia rianimazione neonatale, U.O. ortopedia, cardiologia H24, solo per fare degli esempi) che fine ha fatto? Che cosa è stato accettato di quel programma da parte dell’azienda, cosa è stato realizzato, cosa è in fase di realizzazione? 

La sanità elbana è al collasso perché non si riesce neanche a garantire ai nostri cittadini servizi essenziali e normali quali le colonscopie, garantite fino a un anno fa, la cataratta che prima veniva regolarmente effettuata all'Elba o i trattamenti in camera iperbarica per i pazienti cronici, solo per citarne alcuni. 

Sono anni che si chiedono questi servizi in attesa di risoluzione di problemi ancora più complessi, e sono anni che alla fine degli incontri con la direzione, c'è la stessa dichiarazione sulla stampa: soddisfatti, abbiamo ottenuto delle rassicurazioni. E risultati ancora niente. 

La sua impennata di dicembre, dopo due anni di collaborazione con l'azienda non può certo servire a riscattarla. Tre cose aveva chiesto: una ovvia quale la conferma del dr. Graziano a referente del presidio ospedaliero. Pur riconoscendo le dosi umane e professionali del dr. Bruno questi è, e rimane, un dirigente aziendale teso alla realizzazione di progetti e direttive imposte dall’azienda.

La seconda cosa richiesta è la deroga del punto nascita: ebbene nessuno lo ha mai messo in discussione e del resto se non si concede a un'isola a chi si concede? 

Il terzo punto che ti interessava era la rassicurazione della non unificazione dei reparti medico e chirurgico: questo non è un progetto a breve o medio termine ed allo stato attuale dell’arte il problema è inesistente, anche se non mi sembra non sia stato definitivamente scongiurato. 

Insomma ce ne sarebbero state cose da chiedere minacciando quelle dimissioni che avrebbe dovuto barattare per esempio con la ripresa immediata dei servizi di cui sopra, con un impegno preciso ad una ristrutturazione del sistema emergenza urgenza, con un impegno di risorse umane provenienti dalla rete per servizi ambulatoriali e chirurgici, per un tavolo di concertazione sul quale analizzare le criticità e necessità segnalate dai cittadini, da te molto distanti, e che vengono a noi segnalate quotidianamente, spesso risolvibili solo con una programmazione diversa ed a costo zero o quasi. 

Relativamente alla rete, sono sempre stato un sostenitore della necessità che i medici provengano dal continente per avere specialisti preparati sull'isola così ne possano usufruire gli elbani come gli altri cittadini del continente. Inutile negare che personale medico completamente stanziale perda col tempo e professionalità. 

Ma veniamo al problema del Pronto Soccorso. Nel 2013 Marroni disse che erano stati stanziati 700.000 euro per la sua ristrutturazione, siamo nel 2017 e siamo ancora in fase progettuale e tutt’oggi il pronto soccorso è indecente e si dichiarano cronoprogrammi ed interventi. 

La minaccia di chiuderlo se non ha i requisiti strutturali richiesti dalla normativa deve rappresentare la nostra determinazione nel portare avanti un progetto con maggiore sollecitudine e stimolare l’Azienda nella speranza che inizi i lavori prima possibile. 

Preciso anche ai miei cittadini che sono uscito dalla riunione solo dieci minuti prima dalla fine, scusandomi per altro impegno, riunione che è iniziata con un'ora di ritardo, senza rispetto dei convenuti. Ribadisco, come detto in Conferenza, che sono contento che si sia ravveduta, che abbia capito che occorre programmare una sanità diversa e che si sia accorta che da anni prende schiaffi.

Schiaffi che, al contrario di lei, per onestà e proprio perché riconosco i ruoli, non sono tutti suoi, ma sono da condividere tra tutti i sindaci, in primis con il sottoscritto, proprio perché sono consapevole del ruolo che riveste il comune di Portoferraio nei servizi comprensoriali. 

Rivolga le sue energie ad ottenere risultati e non a screditare il sottoscritto, magari su incarico di altri, non è questo il ruolo del Presidente della Conferenza dei Sindaci così come non è nel suo ruolo parlare e minacciare sull'appartenenza o meno al centro destra".



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità