Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO25°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 27 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Verona, la festa dei sostenitori di Tommasi che cantano «Bella Ciao»

Attualità martedì 10 marzo 2020 ore 19:00

Coronavirus, "all'Elba serve la rianimazione"

Foto di repertorio

Emergenza coronavirus: Spi-Cgil Elba interviene per sollecitare i sindaci elbani a chiedere che anche nell'ospedale elbano venga attivata



PORTOFERRAIO — "Emergenza da coronavirus con l'Italia diventata tutta zona protetta. Ma l'isola d'Elba, priva di un servizio sanitario di rianimazione, presso l'ospedale di San Rocco, come può essere protetta in questo momento emergenziale? E' quanto si chiede il sindacato dei pensionati della Cgil dell'isola, con il suo segretario Franco Dari e la segreteria composta da Anna Galli, Fabrizio Antonini, Nello Tarea, Pirro Taddei, Giuseppe Pisani, Paolo Pierini e Luciano Lunghi. 

"E come deciso a suo tempo - evidenzia il segretario - ci avvaliamo anche della collaborazione esterna del dottor Mario Mellini, primario cardiologo in pensione. Lo specialista e tutto il nostro direttivo, sono preoccupati dalla situazione che si va creando sull'isola, sia per l'arrivo fuori stagione di lombardi e veneti in fuga dalle zone rosse. Quindi sollecitiamo chi di competenza a fare verifiche su tale fatto, per scongiurare eventuali minacce di contaminazioni da coronavirus sull'isola. E la situazione che si è creata fa tornare d'attualità la deficienza a cui è sottoposta l'isola, per la mancanza di un servizio di rianimazione nel nostro nosocomio. Nel caso qualcuno venga contagiato e abbia gravi problemi respiratori, come può accadere in primis agli anziani, il soggetto non potrebbe essere assistito immediatamente e dovrebbe essere trasportato altrove, se le condizioni meteo lo consentono". 

"Chiediamo quindi ai sindaci isolani di impegnarsi rapidamente sulla questione - dicono i membri della segreteria - rivolgendosi alla Regione Toscana e agli organismi sanitari nazionali, per colmare questa grave lacuna della rianimazione mancante. E non possiamo poi non ricordare, anche l'altra deficienza. Il reparto di cardiologia all'ospedale è sotto organico, e non a caso un paio d'anni fa realizzammo un convegno alla Sala della provincia, proprio per evidenziare tale fatto. Abbiamo un solo specialista cardiologo presso il nosocomio e il nostro territorio non se lo può premettere, in particolare d'estate quando abbiamo presenti quasi 200.000 persone. E' assurdo avere un organico così ridotto. A Ischia esiste una unità coronarica completa e operano al cuore, e qui da noi, inoltre, nessun medico sa applicare un pacemaker".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È questo il numero dei contagi accertati sull'isola nelle ultime 24 ore in base al bollettino giornaliero regionale della Toscana
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Spettacoli