Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:39 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lukaku in lacrime dà un pugno alla panchina dopo l'eliminazione del Belgio

Attualità giovedì 15 settembre 2022 ore 21:00

La rivolta nel carcere di Porto Azzurro su Rai 2

L'ingresso del carcere di Porto Azzurro

Si tratta di un docufilm in cui i protagonisti raccontano la vicenda che tenne in sospeso non solo il paese e l'Elba ma tutta l'Italia



PORTO AZZURRO — Domani sera, venerdì 16 Settembre su Rai 2 alle ore 21,20 andrà in onda il documentario dal titolo "Porto Azzurro. Un carcere sotto sequestro".

Il docufilm racconta il tentativo di evasione, un gruppo di detenuti che sequestra 33 ostaggi con una trattativa durata sette giorni. Prodotto da Stand by me per Rai Documentari  racconta per la prima volta la cronaca della rivolta avvenuta all’interno dell’istituto penitenziario dell’Isola d’Elba nell’agosto del 1987.

Il docufilm inaugura “L’Italia criminale: quando la cronaca fa la storia”, la prima collana di Rai Documentari su sette recenti episodi criminali della storia italiana che hanno suscitato grande clamore nell’opinione pubblica, in onda ogni venerdì fino al 28 ottobre in prima serata su Rai 2.

Curato da Lorenzo de Alexandris e diretto da Jovica Nonkovic, scritto da Alessandro Giordano ed Emanuele Mercurio, il documentario ripercorre una vicenda che ha tenuto col fiato sospeso l’intero Paese, attraverso preziosi filmati e immagini di repertorio e interviste esclusive ai sequestrati e al capo del commando, il terrorista nero Mario Tuti.

Nel 1987 il carcere di Porto Azzurro, all’Isola d’Elba  veniva considerato un vero e proprio modello: i detenuti erano coinvolti in svariate attività, ricreative e lavorative, volte alla riabilitazione e al loro reinserimento nella società. Il clima all’interno dell’istituto era sereno e il rapporto tra detenuti e guardie carcerarie disteso e collaborativo. 

Tutto questo dura fino alla mattina del 25 Agosto 1987, quando un gruppo di sei detenuti, capeggiati da Mario Tuti, irrompe pistole alla mano all’interno della portineria dell’istituto e prende in ostaggio il direttore e gli agenti presenti, con l’intenzione di impossessarsi della macchina blindata del direttore, dirigersi verso il porto e tentare la fuga. Il fallimento dell’evasione, grazie a un agente che riesce a far scattare l’allarme, si trasforma nel sequestro di 33 persone - 5 civili, 17 guardie carcerarie e 11 detenuti – e dà il via a un braccio di ferro tra i sequestratori e lo Stato che durerà sette giorni e che nel documentario viene raccontato dalla voce di chi ha vissuto in prima persona un fatto destinato ad entrare nella memoria collettiva del Paese: il direttore del carcere Cosimo Giordano, le guardie carcerarie Luciano Baffoni e Luciano Buono e l’assistente sociale Rossella Giazzi, unica donna tra i 33 ostaggi, il magistrato di sorveglianza a Livorno Antonietta Fiorillo, che gestì la trattativa dall’esterno del carcere insieme a un pool di colleghi, e Mario Tuti, il capo del commando, che era detenuto a Porto Azzurro per l’omicidio di due agenti di polizia e quello di un detenuto avvenuto nel carcere di Novara (nel 1986 Mario Tuti era stato condannato in appello per la strage dell’Italicus, sentenza poi annullata dalla Corte di Cassazione nell’87 e poi definitivamente nel’92). 

La tensione vissuta in quei giorni all’esterno del carcere viene ripercorsa attraverso le voci di altri dipendenti dell’istituto, esperti e giornalisti, tra cui Stefano Tamburini, allora giovane cronista inviato de Il Tirreno, e lo storico giornalista del Tg1 Paolo Di Giannantonio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I carabinieri intervenuti per calmare l'uomo hanno scoperto che si trovava in Italia in modo irregolare. Scoperte altre situazioni di irregolarità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità