QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 20°20° 
Domani 19°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 20 ottobre 2019

Attualità mercoledì 12 luglio 2017 ore 16:00

​Formazione detenuti, bando nelle carceri toscane

detenuti panettieri nel carcere di Porto Azzurro

La Regione ha stanziato 500mila euro, interessa anche i reclusi di Porto Azzurro e Gorgona



FIRENZE — Fornaio (Porto Azzurro docet, ndr),  idraulico, apicoltore, ma anche cuoco o elettricista: sono questi alcuni dei percorsi professionali che potranno intraprendere i detenuti delle carceri toscane. La Regione ha stanziato 500 mila euro di risorse del Por Fse 2014-2020, per cofinanziare progetti di formazione professionale rivolti a persone recluse nelle case circondariali  di Massa Marittima, Livorno, Isola di Gorgona, Porto Azzurro, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Volterra, Pistoia, Prato, Siena, San Gimignano.

"Grazie a questa iniziativa - commenta l'assessore all'istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco - in coerenza con gli obiettivi del programma operativo regionale del Fondo sociale europeo che prevede azioni a favore di soggetti svantaggiati, ci proponiamo di sostenere il reinserimento e l'inserimento lavorativo di detenuti delle carceri toscane attraverso percorsi formativi che consentano di ridurre il divario fra le competenze possedute e quelle richieste dal mondo del lavoro".

Potranno usufruire dei corsi detenuti delle carceri toscane con pena definitiva residua minima di cinque anni. L'avviso si rivolge a un singolo soggetto formativo oppure a una associazione temporanea di imprese o di scopo, costituita o da costituire a finanziamento approvato.

Gli interventi ammissibili prevedono: percorsi professionalizzanti riferiti al repertorio regionale delle figure professionali, finalizzati al rilascio di una qualifica professionale o di una certificazione di competenze.

Percorsi di formazione obbligatoria (riferiti al Repertorio regionale dei profili professionali), per responsabile tecnico dell'attività di panificazione e responsabile tecnico di tintolavanderia.

Gli interventi formativi, strutturati in accordo con gli Istituti penitenziari, dovranno prioritariamente tener conto dei diversi requisiti di ingresso e delle caratteristiche soggettive dei destinatari, nonché delle esigenze dei fabbisogni formativi espresse dagli istituti penitenziari toscani, in particolare nei settori edilizia, idraulica, elettricità- elettrotecnica, cucina-ristorazione, apicoltura, giardinaggio-floricoltura, sartoria, acconciatura.

Dovranno inoltre essere previsti specifici moduli formativi sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e, per le attività nell'ambito della cucina-ristorazione, dei moduli formativi sull'igiene alimentare (Haccp).

Ogni soggetto formativo è tenuto a presentare un solo progetto, in relazione ad un unico fabbisogno formativo fra quelli espressi da ciascun istituto penitenziario (di qualifica, di certificato di competenze, di formazione obbligatoria).

I progetti dovranno essere presentati al Settore programmazione in materia di formazione continua, territoriale e a domanda individuale.
Interventi gestionali per gli ambiti territoriali di Grosseto e Livorno, a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione sul Bollettino dovranno pervenire entro il 31 luglio 2017, tramite sistema on line, all' indirizzo https://web.rete.toscana.it/fse3 , con utilizzo di tessera sanitaria – cns attivata.

Per maggiori informazioni consultare il bando oppure scrivere a formazioneterritoriale@regione.toscana.it.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica