Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PORTOFERRAIO17°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Carpi, tromba d'aria si abbatte sull'aeroporto: aerei ultraleggeri distrutti

Attualità sabato 10 novembre 2018 ore 17:49

Legambiente: "No all'ampliamento della cava"

La simulazione grafica dell'intervento

Dopo l'intervento di Fillea-Cgil Legambiente ribadisce la sua contrarietà e invita a valutare altre strade per il rischio disoccupazione



PORTO AZZURRO — All'intervento di Fillea-Cgil sulla situazione di stallo del caso Eurit e su rischio di disoccupazione per i lavoratori diretti e dell'indotto, interviene Legambiente Arcipelago toscano per ribadire la sua contrarietà al progetto di ampliamento della cava di caolino, in località Crocetta a Porto Azzurro.

"La Fillea-Cgil - sottolinea Legambiente - presenta addirittura il proseguimento dell’attività estrattiva per esportare eurite come qualcosa di benefico per l’ambiente e paventa un abbandono dell’area in caso di diniego della licenza. Dichiarazione abbastanza sorprendente, visto che è comunque obbligo dell’impresa procedere al ripristino e alla messa in sicurezza dell’area".

Legambiente, ribadendo la sua contrarietà in relazione all'impatto ambientale su un'isola a vocazione turistica inoltre sottolinea che le stesse argomentazioni di Fillea-Cgil sarebbero quelle usate 25 anni fa.  Riguardo alla preoccupazione per il rischio disoccupazione per i lavoratori diretti e indiretti, Legambiente segnala il silenzio della politica e delle istituzioni e invita comunque a trovare soluzioni alternative.

"Per questo, - conclude Legambiente - riconfermando le nostre precedenti osservazioni e condividendo quelle presentate dal Comune di Capoliveri e da un Comitato di cittadini del Buraccio, invitiamo a bloccare la nuova espansione della miniera a cielo aperto, a dare il via a un progetto di recupero dell’intera area nel quale vengano impiegati gli attuali lavoratori e a definire una exit strategy certa, che assicuri ai lavoratori un futuro in altri settori e che eviti un disastro paesaggistico e ambientale".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta di un imprenditore di 45 anni, originario della provincia di Perugia, che era scomparso in Albania in circostanze misteriose
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

STOP DEGRADO

Attualità