Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:PORTOFERRAIO23°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Autonomia: dai banchi della maggioranza sventolano le bandiere regionali, l'opposizione canta l'Inno di Mameli

STOP DEGRADO giovedì 20 luglio 2023 ore 09:14

"A rischio il pino monumentale di Monserrato"

Una lettera aperta indirizzata al sindaco chiede di intervenire per evitare che la situazione possa ulteriormente precipitare



PORTO AZZURRO — Preoccupazione per il pino monumentale verso il Santuario di Monserrato. Infatti Leonardo Forbicioni, naturalista Entomologo e vicepresidente World Biodiversity Association onlus e Angelo Banfi, consigliere Parco Nazionale Arcipelago Toscano, hanno inviato una lettera in merito al sindaco di Porto Azzurro e all'ufficio tecnico del Comune.

"Buongiorno, volevamo informarla, che da alcune segnalazioni e sopralluoghi effettuati in questi giorni al pino monumentale sulla strada per il Santuario di Monserrato, sono stati evidenziati alcuni allarmanti presagi che fanno pensare che la struttura della pianta abbia subito una importante aggressione da parte di coleotteri xylofagi, verosimilmente Cerambycidae e Buprestidae. - si legge nella lettera - Solitamente questi insetti attaccano parti della pianta che sono già morte. Abbiamo motivo di ritenere che l’attuale situazione, sia maturata in senso peggiorativo a seguito del taglio di una grossa branca che si era spezzata sotto il suo stesso peso alcuni anni fa. La grossa ferita o le ferite, non sono state probabilmente curate e monitorate a sufficienza (o forse per niente) e sono diventate la porta d’ingresso per muffe, funghi, batteri … questi agenti, in questo tempo (dall’aprile del 2018), fino ad oggi, sono penetrati all’interno dei vasi della pianta provocando nel corso degli anni, una progressiva necrosi dei tessuti".

"La necrosi, nel tempo, ha richiamato quindi tutti quelli che sono i coleotteri parassiti secondari delle conifere (Cerambycidae, Buprestidae e chissà quante altre) che hanno continuato ad attaccare ad ogni stagione il tessuto morto e riducendo la pianta nel drammatico stato in cui versa attualmente. - prosegue la lettera - Ad oggi infatti, la situazione appare piuttosto grave, in quanto la conifera mostra segnali che non lasciano sperare niente di buono. Il tronco principale presenta alla propria base (proprio nello stesso lato del taglio della branca) una estesa zona con corteccia completamente divelta, ma anche la restante parte potrebbe trovarsi nelle medesime condizioni. Inoltre, sia la parte dove non è più presente la corteccia, sia laddove ancora esistente, sono presenti serie di numerosissimi fori di diverse forme e dimensioni che non sono altro che i fori di sfarfallamento degli adulti dei coleotteri. Inoltre, alzando la testa al cielo, osservando la poderosa chioma di questo “Patriarca Elbano”, si possono osservare numerosi rami ormai completamente secchi e privi di parti verdi".

"Detto ciò, al fine di capire il grado di fattibilità di un eventuale salvataggio e per mettere in sicurezza la pianta da ulteriori attacchi che la danneggerebbero ancora più in profondità, fino a portarla alla morte, si rende improrogabilmente urgente far visionare l’albero da personale tecnico altamente specializzato per questo tipo di interventi, in quanto si tratta di una operazione che richiede professionalità tecniche e conoscenze profonde nel settore forestale, botanico, dendrologico ed entomologico. Abbiamo ritenuto opportuno ed urgente informarla, in qualità di Sindaco e Assessore Ambiente, di questa particolare situazione, perché questo grande albero monumentale, oltre a rappresentare un essere vivente di grande importanza, è ormai diventato il simbolo di un territorio, che ha vissuto e partecipato alla storia del Comune di Porto Azzurro sino alla sua consacrazione degli studenti dell’Istituto Cerboni a “ Nonno Pino”. Inoltre, è nostra espressa intenzione volerla sollecitare affinchè Lei possa dare incarico a dei veri specialisti del settore, onde evitare di dovere intervenire con imperdonabile ritardo. Certi di un suo sicuro ed efficiente provvedimento risolutivo le porgiamo cordiali saluti", si conclude la lettera.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I cittadini presenti nella zona sono subito intervenuti per paura che l'incendio di estendesse. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri forestali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Cronaca