QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 22°22° 
Domani 22°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 23 settembre 2019

Cultura domenica 27 agosto 2017 ore 08:58

Bolano: "La ceramica ingabbiata cade a pezzi"

la ceramica di Bolano a Porto Azzurro

La polemica dell'artista: "Prima una mia opera distrutta a pallonate, ora la sua replica posta sul molo si sta disfacendo. Vorrei abbandonare l'isola"



PORTO AZZURRO — "Sono deluso dalla mia isola, tanto che vorrei abbandonarla". Lo sfogo è di Italo Bolano, artista elbano che protesta per l'incuria con cui vengono trattate le sue opere, lamentandosi soprattutto di quanto accade a Porto Azzurro. 

"Dopo la grande ceramica che a suo tempo a Portoferraio saltò per aria perché appoggiata ad un telaio e non murata per circa 15 anni - ci scrive Italo Bolano -  ora a Porto Azzurro una ceramica di 5 metri ,che narra la storia del Paese nato con gli Spagnoli, sta facendo la stessa fine.
Narro brevemente la storia.
La prima grande ceramica fu fatta molti e molti anni fa per raccontare , con i suoi 5 metri di lunghezza, la storia del Paese da Filippo terzo al governatore D' Alarcon e fu applicata su di un muro nei giardini pubblici, zona studiata da me come luogo di meditazione e rispetto, con un percorso che andava a scoprirla con sorpresa.
Una banda di ragazzini vi creò il suo campo sportivo, trasformando la ceramica stessa nella porta del campetto.
A forza di pallonate l'opera cominciò a rovinarsi pannello dopo pannello.
Il sottoscritto, per amore di questo bellissimo Paese, la rifece.
E qui comincia una nuova storia per trovarle un'ubicazione alternativa con infiniti problemi di scelta sul territorio. Fra l'altro la sua ubicazione fu sottoposta anche alle Belle Arti di Pisa che espressero consigli.
Per discutere su dove porla, di qua o di là, passarono ben nove anni e questa rimase in un angolo dei magazzini comunali.
L'anno scorso, a mia insaputa, venne posta provvisoriamente in fondo al molo, protetta vergognosamente da una rete da recinti e cosi' venne soprannominata 'l'ingabbiata' . Mi domando perché l'artista non viene mai interpellato quando ha studiato e partecipato a vari congressi di arredo urbano e di arte in città.
In particolare ho studiato l'arredo urbano di Parigi, Barcellona, vero museo all'aperto e Gerusalemme. Niente.
Dopo di che ho cercato di dimostrare che un'opera d'arte nasce e deve interagire con l'ambiente e deve avere un suo spazio e non essere buttata tra vari fronzoli. In verità, lo scorso anno questo problema fu capito e venne deliberato di rimetterla nel luogo per il quale era nata – i giardini – protetta da uno spesso vetro antipallonata.
E' passato un altro anno. Niente. E adesso cominciano a staccarsi le mattonelle trattenute solo da un velo di silicone.
E ora?
Dico solo  - conclude Bolano - che vorrei abbandonare davvero l'Isola che mi ha procurato 50 anni di umiliazioni e delusioni.
Purtroppo ritorno spesso perché la maga Elba mi ha troppo legato.
Ma dov'è l'interesse per la cultura e l'amore per il proprio paese?"



Tag

Atreju, paracadutista atterra con tricolore

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità