QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 17°22° 
Domani 17°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 maggio 2019

Spettacoli martedì 02 agosto 2016 ore 10:55

Cristina li fa cantare tutti

Piazza gremita ieri sera per il concerto di Cristina d'Avena: due ore di musica e ricordi sulle sigle dei cartoni animati, superate le 2.500 presenze



MARCIANA MARINA — Quella musica e quelle parole sono state ieri sera la versione pop delle Madeleine di Proust: briciole di pane lungo la via dei ricordi fino all'infanzia. 

Nelle due ore di concerto Cristina D'Avena non ha deluso le aspettative e ha regalato emozioni alle oltre 2.500 persone accorse da tutta l'isola per assistere a quello che, a detta di molti, è stato e sarà l'evento dell'estate elbana 2016.

Pubblico eterogeneo, nonni e nipoti insieme, ma è la generazione '80 - '90 a farla da protagonista e spesso i figli sono stati una scusa per correre sotto il palco e cantare ancora una volta a voce alta i classici: Occhi di Gatto, Denver, Jem e le Olograms, Il mistero della pietra azzurra fino alle sigle più recenti. Titoli che diranno poco ai bambini di oggi ma che hanno segnato l'infanzia dei loro genitori.

La piazza di Marciana Marina si è cominciata a riempire presto e allo scoccare delle 22 la folla aveva già riempito ogni spazio. Cristina (Una di noi intonava parte del pubblico) si è presentata sul palco accompagnata da una band completa e da un coro di accompagnamento integrato da due talenti elbani.

Tutto dal vivo e la cantante ha spesso giocato con il pubblico chiamando i ritornelli e ricevendo una puntuale risposta. "Avete un'isola meravigliosa - ha detto poco prima dell'inizio del concerto concedendosi alla stampa - non ci ero mai stata ma ne sono rimasta incantata, sicuramente ci tornerò".

E, data la grande accoglienza ricevuta per la serata conclusiva del suo summer tour, lo sperano anche tutti gli elbani che con la sua voce sono cresciuti e che ieri sera hanno fatto rivivere il bambino di otto anni che è in loro: "Perchè non ci dobbiamo vergognare di credere ancora nei sogni - ha detto dal palco - quella spensieratezza dobbiamo portarcela dentro ogni giorno". 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Cronaca

Attualità