Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:25 METEO:PORTOFERRAIO22°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Attualità mercoledì 09 febbraio 2022 ore 14:05

Lotta inquinamento marino, network città costiere

Isola del Giglio

Il progetto prevede una piattaforma che raccoglie le buone pratiche già esistenti per trasferirle in tutti i paesi del Mediterraneo



PROVINCIA DI GROSSETO — Arriva un nuovo strumento per proteggere il Mar Mediterraneo dai rifiuti. È il Network delle Città Costiere, una rete di buone pratiche già introdotte nel territorio italiano, che da oggi saranno a disposizione di chiunque voglia replicarle. A tenerle insieme è Common, progetto di cooperazione finanziato da Eni CBC Med che vede Italia, Libano e Tunisia impegnate nella lotta al marine litter e in una gestione più sostenibile dei rifiuti.

Protagonisti per la Maremma i Comuni di Castiglione della Pescaia, Follonica, Isola del Giglio, Grosseto, Monte Argentario, Orbetello e Scarlino, che nell’ultimo anno e mezzo hanno preso parte a un percorso di confronto reciproco, con i colleghi del Salento e con gli operatori del settore turistico e della pesca, attivato dal progetto Common e che adesso andranno a condividere le proprie esperienze a livello mediterraneo.

Condividere progetti virtuosi e trasferire strategie e soluzioni innovative in aree che stanno affrontando le stesse criticità: questi gli obiettivi alla base della rete presentata oggi da Legambiente e CIHEAM Bari, in un incontro online dedicato ai Comuni toscani e pugliesi, due aree pilota del progetto Common. L’incontro ha visto la partecipazione di Comuni della provincia di Grosseto e del Salento.

Dalle scuole plastic free agli impianti erogatori di acqua di qualità, dalla gestione sostenibile del turismo nelle aree protette ai presidi slow food: sono già 15 le buone pratiche raccolte dalla rete del progetto Common, afferenti a due macro-categorie: riduzione della produzione dei rifiuti/riciclaggio e gestione dei rifiuti durante le attività di pesca. 6 i Comuni che hanno già aderito, presentando le proprie schede: 4 toscani (Castiglione della Pescaia, Grosseto, Follonica, Scarlino) e 3 quelli pugliesi (Taranto, Porto Cesareo e Castro), ma il numero è destinato a salire nei prossimi giorni.

Tutte le buone pratiche messe a disposizione dei territori saranno raccolte nella piattaforma www.commonproject.it nella sezione “Coastal Cities Network”, che nelle prossime settimane vedrà la partecipazione dei comuni libanesi e tunisini, i due paesi coinvolti insieme all’Italia, nel progetto Common. 

Far parte della rete è semplicissimo, basta scrivere all’indirizzo e.scocchera@legambiente.it raccontando allo staff del progetto la buona pratica da condividere.

“Siamo molto soddisfatti del percorso intrapreso in Maremma, che si conferma territorio attento alle criticità ambientali legate al marin litter e alla gestione dei rifiuti e, per questo, aperto a percorsi virtuosi, - spiega Valentina Mazzarelli coordinatrice del progetto per l’area pilota Maremma - “In più di un anno e mezzo, Common ha creato non solo occasioni di confronto reciproco, ma soprattutto di ascolto rispetto alle diverse istanze presenti ai tavoli virtuali: quelle degli enti, dei pescatori, del settore turistico balneare. Da questi momenti sono altresì nate nuove progettualità che hanno dato importanti risultati che si aggiungono all’altrettanto importante lavoro di sensibilizzazione e informazione che il progetto ha rivolto alle scuole con il contest We are all Med e ai cittadini e turisti con la campagna Beach Clean".


Il progetto Common vede coinvolti Legambiente, l’Università di Siena, l’Istituto Nazionale di Scienze e Tecnologie del Mare di Tunisi, il CIHEAM Bari, l’ONG libanese Amwaj of the Environment, l’Università di Sousse e la riserva naturale di Tyre, in Libano. L'obiettivo comune è la riduzione del marine litter in 5 aree pilota, pianificando l’uso e il monitoraggio delle risorse e utilizzando un approccio partecipativo, con l’ambizione di testare un modello potenzialmente trasferibile a tutto il bacino.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 91 anni ed era molto conosciuto per aver aperto il primo negozio di abbigliamento specializzato per bambini in città
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità