Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:32 METEO:PORTOFERRAIO14°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 20 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità giovedì 07 marzo 2024 ore 15:00

Residui delle potature, come smaltirli

I carabinieri forestali del Reparto Parco Nazionale Arcipelago Toscano hanno diffuso un avviso con le informazioni per i cittadini



ISOLA D'ELBA — Molti cittadini, sull’isola d’Elba, si rivolgono ai Carabinieri Forestali del Reparto Parco Nazionale Arcipelago Toscano per chiedere informazioni dettagliate sulle modalità di eliminazione di sfalci e potature verdi tramite il fuoco. 

Lo si legge in una nota del Reparto Carabinieri forestali Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

"Bisogna premettere - prosegue la nota - che ogni forma di abbruciamento rappresenta una fonte di emissioni inquinanti nell’atmosfera e che, nei casi in cui il fumo vada a molestare qualche abitazione vicina, la materia attiene alla salute pubblica ed è di competenza comunale regolamentarla. In caso di rischio per l’ambiente e per la salute, le operazioni di abbruciamento possono essere sospese dai comuni.In linea generale, nel cosiddetto “periodo a rischio incendio” (che va dal 1° luglio al 31 agosto, salvo proroghe) vige il divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali e forestali senza alcuna deroga". 

"Il cittadino, - prosegue la nota - presa coscienza del pericolo, se rispetta rigorosamente il divieto, può essere il protagonista della tutela dei boschi dal rischio incendi. Considerato che sull’isola d’Elba il 56,6% del territorio ricade in area del Parco Nazionale ed all’interno del perimetro del Parco ogni abbruciamento necessita di autorizzazione. Diversamente, si configura una violazione di natura penale. Nel territorio esterno al Parco Nazionale, fuori dal periodo di divieto assoluto, l’eliminazione di sfalci e potature si può effettuare quando questi scarti vegetali provengono da attività agricola (vite, olivo, orticoltura, etc.) o forestale. Ma allo scopo di evitare il rischio di ingenerare un principio di incendio le norme di prevenzione prevedono:che vi sia assenza di vento con colonna di fumo che sale verticalmente;che il fuoco venga fatto in piccoli cumuli ed utilizzando spazi ripuliti dalla vegetazione ed isolati da altra vegetazione; che vi sia la presenza di un numero adeguato di persone (almeno due);che vi sia sorveglianza continua del fuoco fino al completo spegnimento delle braci;che vi sia dell’acqua prontamente disponibile".

"Altro strumento per disfarsi di residui vegetali è avvalersi del sistema di smaltimento dei rifiuti urbani effettuato sull’isola d’Elba dalla società preposta: - si legge - occorre in questo caso prenotare un ritiro lasciando lo scarto verde in appositi sacchi ovvero disposto in fascine.Comportamenti che esulino da tali linee guida comportano l’applicazione, a seconda dei casi, di sanzioni penali o amministrative.Altro aspetto, non meno importante, da curare, in relazione alla prevenzione degli incendi boschivi, è la corretta manutenzione della vegetazione incolta, soprattutto intorno alle abitazioni, sia sotto il profilo dell’igiene pubblica che di quello del rischio incendi. L’incuria da parte dei proprietari può avere, infatti, conseguenze rilevanti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna è stata immediatamente soccorsa dalla comandante della polizia municipale, poi sono intervenute ambulanza e automedica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Attualità