Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:57 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Motoscafo si infila nel porto di Monte Carlo a tutta velocità, manca due passanti per un soffio

Attualità giovedì 24 agosto 2023 ore 19:00

Il granchio blu è approdato all'Elba

Granchio blu a San Giovanni(foto di Gianbattista Ferrari/ Facebook)

Dopo Livorno e la costa maremmana arrivano segnalazioni della specie aliena anche nel mare dell'isola



ISOLA D'ELBA — Il granchio blu, temuto per la sua competitività e considerato una specie aliena nel nostro mare, è arrivato anche nelle acque dell'Elba. 

Al momento però non si conosce quanto la sua diffusione sia estesa rispetto agli altri granchi nel mare dell'isola.

In base ad alcune segnalazioni corredate di foto sui social è stato avvistato sia nella zona di San Giovanni a Portoferraio che nel mare di Norsi, fra Capoliveri e Portoferraio.

Nei giorni scorsi la sua presenza era già stata segnalata in Toscana sia nella costa livornese che in quella maremmana e nel lago di Massaciuccoli.

In una nota Arpat, sempre nei giorni scorsi aveva spiegato che "Anche in Toscana il fenomeno si sta diffondendo, soprattutto lungo le coste della Maremma; negli ultimi giorni si è registrato un aumento eccessivo in termini di esemplari soprattutto nella Laguna di Orbetello, anche se il fenomeno, seppur con numeri inferiori, ha riguardato anche Burano. Numerosi esemplari sono stati ritrovati nelle reti alle Secche si Vada e si segnalano registrazioni anche a Marina di Pisa, Foce Arno ed Elba".

"Questa specie aliena è diventata invasiva soprattutto in relazione ai cambiamenti climatici e al riscaldamento delle acque che hanno reso i nostri ambienti più idonei alla sua sopravvivenza e proliferazione. Presenta un largo carapace, fino a 20 cm, di color bruno-verdastro, con macchie biancastre con una lunga spina ai due lati, zampe blu e lunghe chele blu all’estremità. - hanno aggiunto da Arpat - È un predatore che si nutre di gasteropodi, bivalvi per il 30-40%, crostacei per il 15-20% e per meno del 5% di piccoli pesci, vermi e meduse. Occasionalmente può cibarsi anche di materiale vegetale e rifiuti".


"Si tratta di una specie altamente competitiva che può comportare danni agli ecosistemi, in particolare, può divenire competitore per gli invertebrati con cui condivide l’habitat grazie alla forte aggressività e alla sua grande capacità natatoria. Inoltre, presenta una elevata fecondità e un lungo periodo riproduttivo; questo fa sì che il granchio blu, in presenza di condizioni ambientali per lui ottimali, riesca ad avere un enorme successo riproduttivo con un elevato numero di esemplari che ci portano ad eventi come l’ultimo registrato presso la Laguna di Orbetello. Tra gli effetti negativi è da evidenziare anche l’impatto sulle specie algali di cui può nutrirsi e anche sulla pesca e le attività produttive in genere. Soprattutto per quanto riguarda la pesca si assiste a danni agli attrezzi, come reti e nasse, e anche al catturato rimasto negli attrezzi stessi. Per gli allevamenti invece la loro voracità porta a una riduzione della disponibilità delle “materie prime” necessarie allo sviluppo delle specie ittiche e a una riduzione del novellame.
Proprio a questo riguardo l’ultimo evento di invasione a Orbetello ha comportato danni consistenti in quanto gli esemplari di granchio blu hanno depauperato le risorse “cibo” per l’allevamento di anguille e orate quali ad esempio vongole, cozze e anche piccole orate, danneggiando la produzione. Altro effetto, data la loro aggressività, Anche qui è stato registrato il danneggiamento degli attrezzi da pesca.
Cosa fare per ridurre questa minaccia? L’eradicazione totale è pressoché impensabile ma una riduzione del numero e quindi una riduzione della minaccia alla biodiversità marina è possibile. Al riguardo si segnalano gli studi dell’Università di Siena sulle caratteristiche organolettiche e tossicologiche delle carni del granchio blu al fine di utilizzarlo come alimento e consentirne la commercializzazione.
ARPAT, nell’ambito della la Direttiva europea sulla Marine Strategy, effettua il monitoraggio delle specie non indigene, dette NIS. Tale monitoraggio è stato effettuato prima nel porto di Piombino ed attualmente nel porto di Livorno dove, dal 2021, vengono utilizzate anche le nasse per la raccolta degli organismi bentonici, che vivono cioè in stretto rapporto con il fondo marino. Al momento, nell’ambito di tale attività, non si registrano catture di tale specie", hanno concluso da Arpat.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A spiegare quanto accaduto è la presidente di Elbamare in cui ricostruisce tutti i passaggi del recupero dell'animale anche per poterlo studiare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Elezioni

Politica