QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 17°17° 
Domani 16°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 22 maggio 2019

Attualità sabato 17 novembre 2018 ore 14:07

Start up house, anche Rio fra gli accreditati

Una delle sale del locali Start up a Rio nell'Elba

Sono 23 i locali accreditati come incubatori d'impresa e start up house riconosciuti dalla Regione Toscana, fra questi anche uno all'isola d'Elba



FIRENZE — La Regione Toscana ha recentemente approvato l'elenco dei soggetti accreditati come incubatori di impresa e start up house toscani, in seguito all'avviso emanato lo scorso aprile. L'elenco è stato pubblicato sull'edizione del Burt del 14 Novembre (http://www.regione.toscana.it/-/consultazio-1). Le domande ricevute per il 2018 sono in tutto 26, di cui 23 ammesse e invece 3 scartate. 

Fra le strutture accreditate "provvisoriamente" c'è anche l'isola d'Elba con i locali Start up del Comune di Rio, per i quali lo stesso Comune lo scorso Ottobre aveva emesso un avviso pubblico, scaduto il 15 Novembre scorso.

In realtà nella graduatoria pubblicata è indicato il Comune di Rio Marina ma, essendosi fuso con il Comune di Rio nell'Elba dando vita al nuovo Comune di Rio dal 1 Gennaio 2018, è in quest'ultimo quindi che confluiscono tutte le attività dei due Comuni precedenti.

Incubatori d'impresa e start up house sono realtà, pubbliche e private, che accelerano e favoriscono lo sviluppo di nuove imprese mettendo loro a disposizione tutta una serie di servizi di supporto. Rappresentano il punto di contatto tra il mondo della ricerca e le aziende, promuovono la nascita di nuove iniziative imprenditoriali e le accompagnano nella fase delicata dell'avvio.

Le imprese che si insediano presso realtà accreditate potranno contare su tutti i servizi immobiliari di base, di accompagnamento e tutoraggio compresi nel catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane (http://www.regione.toscana.it/-/nuovo-catalogo-servizi-avanzati-e-qualificati-per-le-pmi-toscane).

Gli incubatori e le start-up house accreditati andranno a costituire una ‘Rete regionale' che sarà promossa presso le imprese proprio per far conoscere loro la tipologia di servizi prestati e indicati nel Catalogo. La presentazione delle domande, una volta entrata a regime la procedura, potrà avvenire ogni successivo anno dal 1 Giugno al 15 Settembre e, sempre nello stesso arco di tempo di ogni anno successivo all'iscrizione, gli iscritti dovranno dare conferma o aggiornare i dati per poter mantenere l'accreditamento ottenuto. Inoltre, sempre entro il 15 Settembre di ciascun anno, le strutture dovranno fornire l'elenco aggiornato delle imprese incubate.

"La Toscana nel 2015 – commenta l'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo - era la prima regione in Italia per spin off, ovvero quelle imprese nate per iniziativa di ricercatori, professori o neo laureati all'interno di progetti di ricerca accademici, ma era solo sesta per start up, capaci invece di incidere con più forza sullo sviluppo dei sistemi economici. Lo sforzo della giunta è dunque teso a farle crescere, per essere più competitivi. La Toscana vuole essere competitiva a livello internazionale non grazie alla manodopera a basso costo, ma grazie alla competenza e alla capacità di saper innovare. Con incubatori e start up house vogliamo fare questo, appunto, facilitare lo scambio di buone prassi, far attività di scouting, dare supporto a chi ha un'idea imprenditoriale".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Attualità